La Grecia impone pesanti multe per l'uso illegale delle spiagge

Al: 9 luglio 2024 alle 12:15

Bar sulla spiaggia illegali e “spiagge private”: in Grecia è diffuso l'uso commerciale di tratti di spiaggia senza licenza. Le autorità stanno ora adottando misure intensive. Vengono utilizzati anche i droni.

Nella loro battaglia contro gli spazi balneari non autorizzati ad uso commerciale, le autorità greche hanno imposto multe per oltre 350.000 euro in cinque giorni. Come annunciato dal Ministero dell'Economia di Atene, tre strutture sono state chiuse. In totale sono pervenute “più di mille denunce” riguardo alle spiagge dell'isola di Corfù, della penisola Calcidica, dell'area circostante la capitale, Atene, e altrove.

Poiché i bar sulla spiaggia, le spiagge private e i bar occupano sempre più punti di balneazione, le autorità stanno intervenendo contro la privatizzazione vietata delle spiagge utilizzando droni, immagini satellitari e la nuova app “MyCoast”, attraverso la quale chiunque può denunciare le violazioni.

morte “Movimento dell'asciugamano” Difendersi

A marzo il governo ha introdotto anche nuove regole per il noleggio delle sdraio. Ombrelloni e sdraio dovranno ora essere ad almeno quattro metri dal mare. – Il noleggio è completamente vietato sulle spiagge larghe meno di quattro metri. Il noleggio è un affare redditizio: due sdraio e un ombrellone costano solitamente tra i 20 e i 40 euro al giorno in Grecia, e molto di più su alcune isole popolari.

Di stagione in stagione, la rabbia dei greci per tali trasgressioni aumenta. Nell’estate del 2023, un anno record per il turismo con 33 milioni di visitatori, sull’isola di Paros, nelle Cicladi, è emerso il cosiddetto Towel Movement, che chiedeva la garanzia legale dell’accesso alla spiaggia anche per gli ospiti non paganti.

READ  Possibile scontro con Netanyahu sulla “fame a Gaza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto