La Galassia di Andromeda, “catturata” da Giorgio Chilibert di Sanremo

Si tratta di 2 milioni 538 mila anni luce dalla Terra. Questa è la galassia di Andromeda, che Giorgio Chilibert di Sanremo ha immortalato in questi giorni in diverse foto, dove appare nella sua straordinaria bellezza e fascino. Siliberta è un esperto astrofotografo di pianeti e corpi celesti. Nelle ultime ore ha corretto nella costellazione di Orione la Nebulosa Testa di Cavallo e la Fiamma. E, più recentemente, la California (la costellazione del Perseo). “Ho sempre amato la fotografia”, spiega Giorgio Silibert, “e la pratico da quarant’anni. Poi ho preferito le foto di pianeti, stelle, costellazioni e così via. Ci sono fotografi in questo entusiasmante settore, anche migliori di me. Fotografie di questo tipo richiedono molte ore. ” Andromeda, come si vede, comprendeva circa sedici ore di piena esposizione realizzate in tre mesi. I dispositivi sono inoltre dotati di filtri speciali.

La galassia di Andromeda, precedentemente nota come la Grande Nebulosa di Andromeda o, secondo gli scienziati, con le abbreviazioni M 31 e NGC 224, è costruita in una spirale gigante. In direzione della costellazione di Andromeda: quella da cui ha preso il nome. Tra i principali è il più vicino alla Terra. È visibile ad occhio nudo. Andromeda è il più grande del Gruppo Locale, che comprende anche la Via Lattea e la Galassia dei Triangoli, così come cinquanta altre galassie minori, alcune delle quali fungono da satelliti in orbita attorno a quelle maggiori.

Andromeda contiene qualcosa come un trilione di stelle. Molto più che nella Via Lattea, dove le stelle variano da 200 a 400 miliardi.

Le prime osservazioni scientifiche della galassia risalgono al X secolo d.C. Nel 964, l’astronomo persiano Abd al-Rahman al-Sufi si fermò lì. Ha scritto un libro sulle stelle fisse e l’ha chiamato “nuvoletta”. La stessa definizione è riportata sulle moderne mappe celesti, soprattutto in olandese. Il primo a descriverlo usando strumenti ottici come i telescopi fu il tedesco Simon Marius il 15 dicembre 1612, che lo paragonò alla “luce di una candela osservata attraverso un corno traslucido”. Il famoso astronomo francese Charles Messier lo inserì (era il 1764) nel suo famoso numero di catalogo 31. Tuttavia, riteneva erroneamente che fosse stato scoperto da Marius e non da Sufi. Ulteriori ricerche sono state gradualmente migliorate utilizzando strumenti sempre più efficienti e sofisticati.

READ  Catherine Pistorini: "Covid è un fattore aggravante anche nei pazienti neurologici"

Written By
More from Rocco Miniati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *