La fine delle sanzioni statunitensi?: Rouhani accusa gli oppositori di sabotaggio

La fine delle sanzioni statunitensi?: Rouhani accusa gli oppositori di sabotaggio

La fine delle sanzioni statunitensi?
Rouhani accusa l’opposizione di sabotaggio

La revoca delle sanzioni statunitensi è diventata sempre più una questione elettorale in Iran. I sostenitori della linea dura del paese vedono la politica di riavvicinamento del presidente Rouhani con gli Stati Uniti come un fallimento. Per questo, il primo ministro uscente è ferocemente critico nei confronti dei suoi oppositori politici.

Pochi mesi prima delle elezioni presidenziali in Iran, il presidente Hassan Rouhani ha accusato i conservatori del paese di sabotare la prevista revoca delle sanzioni statunitensi. “È un grande tradimento della nazione iraniana, se un campo o una persona rinvia la fine delle sanzioni, anche di un’ora”, ha detto Rouhani in televisione. “La piccola minoranza che blocca il percorso scelto deve rinunciare alla sua posizione distruttiva”. Solo allora il governo potrà garantire che le sanzioni verranno revocate, ha aggiunto.

Sia l’Iran che gli Stati Uniti sotto il nuovo presidente, Joe Biden, hanno indicato il loro interesse a rilanciare l’accordo nucleare internazionale concordato nel 2015. Tuttavia, entrambi richiedono i primi passi dall’altra parte. Ad esempio, l’Iran chiede inizialmente che le sanzioni, il predecessore di Biden, Donald Trump, vengano reimpostate dopo che l’accordo è stato risolto unilateralmente nel 2018. Gli Stati Uniti inizialmente vogliono vedere una concessione dall’Iran, riducendo gradualmente i propri obblighi ai sensi dell’accordo. Rouhani ha sottolineato che “le condizioni per la revoca delle sanzioni non sono quasi affatto”. Tuttavia, ha ritenuto che le parole non fossero sufficienti. È necessario agire.

Le sanzioni statunitensi come questione elettorale

Il ministro degli Esteri iraniano Javad Sarif ha recentemente esercitato pressioni sugli Stati Uniti. Lunedì ha detto che a causa delle imminenti elezioni presidenziali in Iran il 18 giugno, il tempo per il ritorno degli Stati Uniti sta finendo. Dopo le elezioni ci sarà un periodo di attesa di circa sei mesi, che non consentirà i colloqui fino alla fine dell’anno.

Le dichiarazioni di Rouhani mostrano che l’accordo nucleare e la revoca delle sanzioni sono diventati sempre più una questione elettorale. Rouhani non può correre per un terzo dopo due mandati. Non è ancora disponibile l’elenco definitivo dei candidati. I sostenitori della linea dura del paese criticano il fallimento della politica di riavvicinamento di Rouhani. I ritardi sulla questione nucleare potrebbero, a loro volta, ridurre le possibilità di politici moderati in successione a Rouhani. Tuttavia, l’autorità del presidente è limitata in Iran. Infine, l’ultima parola sulla politica estera e nucleare è del leader spirituale e capo di stato, l’Ayatollah Ali Khamenei.

READ  Restauro, superamento del veto di Polonia e Ungheria: "Compromesso con la presidenza tedesca". Conte: "Sguardo positivo, ma attenzione"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News