La Croazia è debole, Inghilterra e Italia hanno successo · Tennisnet.com

Oltre alla vittoria della Serbia sulla Spagna, in serata si sono svolte altre tre partite della finale di Coppa Davis. Inglesi, finlandesi e italiani hanno avuto successo nella fase a gironi.

Da Tennisnet.com

Ultima modifica: 15 settembre 2023 alle 22:25

Stan Wawrinka sembra prosperare ancora una volta nella squadra. Durante i giorni postava foto di partite di calcio con i suoi compagni di squadra della nazionale svizzera e sembrava si divertisse con i suoi figli. Sul fronte sportivo, le cose sono andate contrastanti per “Stan the Man” in campo con una racchetta da tennis. Sebbene sia riuscito a sconfiggere l’inglese Cameron Norrie in tre set in singolare, questo è stato l’unico punto per lo svizzero nel duello con la squadra britannica su Andy Murray. Ciò significa che gli svizzeri attorno a Wawrinka sono all’ultimo posto nel Gruppo B prima dell’ultima partita.

Gli italiani sono riusciti a riabilitarsi un po’ con una vittoria sul Cile. Dopo la clamorosa sconfitta contro il Canada davanti ai propri tifosi, questa volta Lorenzo Sonego e Lorenzo Musetti sono riusciti a stupire e hanno ancora tutte le possibilità di qualificarsi prima dell’ultima partita della fase a gironi contro la Svezia.

La retrocessione dei finlandesi è stata forse la sorpresa più grande della serata. Gli scandinavi sconfissero i croati a Spalato. Qui il duello si è deciso dopo le partite individuali. Emil Rusuvuori ha vinto 7:6 (7:3) e 6:4. Otto Virtanen ha giocato 6:4, 3:6, 6:3 contro Dino Prizmic. Dopo questa sconfitta, i croati, come gli svizzeri, occupano l’ultimo posto nel loro girone.

READ  Incidente mortale alla Ferrari in Italia – DJ e modella muoiono tra le fiamme

Una rapida panoramica della fase a gironi della Coppa Davis

Non perdere nessuna novità!

Attivare le notifiche:

Wawrinka Stan

Da Tennisnet.com

Freitag
15 settembre 2023, 22:30

Ultima modifica: 15 settembre 2023 alle 22:25

Non perdere nessuna novità!

Attivare le notifiche:

Wawrinka Stan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto