La Corte penale internazionale: gli Stati Uniti non possono intraprendere azioni contro gli avvocati in questo momento

Come riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il giudice della contea di New York Catherine Polk Fayella ha emesso un’ingiunzione che vieta le sanzioni per gli avvocati dei diritti umani.

Ha detto che l’azione del governo rischia di violare la costituzione che garantisce la libertà di espressione. “Le preoccupazioni per la sicurezza nazionale non dovrebbero trasformarsi in un talismano per scongiurare accuse scomode”.

Vaila ha anche mostrato la sua comprensione che il governo ha interesse a difendere la sua politica estera. La dichiarazione del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti non era inizialmente disponibile.

La Corte penale internazionale si occupa di presunti crimini di guerra statunitensi in Afghanistan

I membri della Corte penale internazionale hanno concordato, tra le altre cose, sui presunti crimini di guerra statunitensi dal 2003 al 2014 in Afghanistan. Il tribunale penale è stato autorizzato a indagare sui cittadini statunitensi per la prima volta da marzo 2020. I funzionari dell’amministrazione Trump accusano la corte di sovranità Stati Uniti d’America Per infliggere danni e servire gli interessi russi.

La Corte penale internazionale persegue crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio. 123 paesi hanno ratificato il trattato fondamentale della corte, il cosiddetto Statuto di Roma. Gli Stati Uniti, Israele e Russia non sono membri.

Icona: specchio

READ  Il ballottaggio delle elezioni più importanti: le campagne di Biden in Georgia

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *