La Corte Costituzionale dell’Uganda respinge il caso contro la legge anti-LGBT

Al: 3 aprile 2024 alle 11:27

Prevede pene dall’ergastolo fino alla pena di morte: una legge in Uganda che criminalizza gli “atti omosessuali”. Gli attivisti per i diritti umani hanno intentato una causa contro di lei, ma senza alcun risultato. La Corte Costituzionale ha respinto la loro richiesta.

La Corte Costituzionale dell’Uganda, nazione dell’Africa orientale senza sbocco sul mare, ha respinto una causa contro una legge anti-LGBTQ che è stata pesantemente criticata a livello internazionale. La corte di Kampala ha affermato che le norme adottate lo scorso maggio non saranno cancellate né sospese.

Secondo la legge, “commettere atti omosessuali” è un reato punibile con l’ergastolo. Quindi “l’omosessualità estrema” potrebbe essere punita con la pena di morte, anche se in Uganda ciò non viene più fatto da anni.

Attivisti per i diritti umani, studiosi di diritto e due membri del parlamento del partito al governo, Movimento di Resistenza Nazionale, hanno intentato una causa contro la legge. I ricorrenti sostengono che la legge viola i diritti umani nonché il diritto alla protezione dalla discriminazione e il diritto alla privacy garantito dalla Costituzione ugandese.

Nel maggio 2023, l’Uganda ha approvato una delle leggi più dure contro gli omosessuali, nonostante le proteste all’estero. Il presidente della Corte ha affermato che la legge è fondamentalmente compatibile con i diritti fondamentali. La sentenza può ancora essere impugnata in Cassazione.

Più internazionale Rivolte un anno fa

Il commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha criticato aspramente la legge e ha invitato il presidente del Paese a non firmarla. Turk ha descritto la legge come “la peggiore al mondo nel suo genere”. Può servire come licenza per la “violazione sistematica” di quasi tutti i diritti umani.

READ  Notizie dell'attacco a Israele: gli Stati Uniti d'America inviano una seconda portaerei

I Paesi Bassi allora reagirono congelando i pagamenti. Gli Stati Uniti e la Germania hanno annunciato che studieranno modalità di cooperazione. Nel maggio 2023, il Ministero degli Affari Esteri ha chiesto il ritiro della legge perché viola gli obblighi internazionali. La Banca Mondiale ha smesso di concedere nuovi prestiti all’Uganda.

Sono stati fatti diversi tentativi per legalizzarlo. Un attivista ugandese ha affermato l’anno scorso che gli effetti si erano già fatti sentire prima della firma. Ad esempio, gli ospedali rifiutavano gli omosessuali perché temevano che sarebbero stati molestati dal governo. Un noto attivista è stato ucciso anni fa.

Con informazioni di Antje Dekhans, ARD Studio Nairobi

Antje Dekhans, RD Nairobi, Tagischau, 3 aprile 2024, 10:56

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto