La coalizione di destra nei Paesi Bassi vuole attuare norme più severe sull’asilo

L'Olanda ne ottiene uno Coalizione di governo di destra. A quasi sei mesi dalle elezioni parlamentari Il populista di estrema destra Geert Wilders e altri tre partiti hanno concordato un accordo di coalizione. I due partiti cercano di apportare un cambiamento radicale nel corso della politica di asilo e immigrazione. Vogliono presentare il loro accordo di coalizione giovedì mattina all'Aja.

“Abbiamo un accordo”, ha detto Wilders mercoledì all’Aia. si Fai pure Non è chiaro chi dovrebbe diventare il nuovo primo ministro – Wilders aveva già concesso prima. Wilders ha detto che i partiti devono ancora accordarsi su un primo ministro.

La coalizione vuole imporre regole severe sull’asilo. “I Paesi Bassi dovrebbero appartenere strutturalmente alla categoria degli Stati membri con le regole di ammissione più rigorose in Europa”, afferma il documento.

Secondo i piani Le norme ambientali per gli agricoltori sono state allentate E Sussidi per la radio pubblica È gravemente abbreviato. La coalizione vuole tagliare i posti di lavoro nella pubblica amministrazione e ridurre il sostegno agli aiuti allo sviluppo e all’energia sostenibile. Gli investimenti dovrebbero essere fatti in appartamenti e Costruzione di quattro nuove centrali nucleari.

Prossimi partiti di governo accanto Il Partito per la Libertà di Wilders (PVV), il liberale di destra VVD dell'ex primo ministro Mark Rutte, il nuovo partito conservatore di destra del Consiglio di Sicurezza Nazionale e il partito populista di destra degli agricoltori BBB..

Si prevede di creare una coalizione libera con un gruppo ministeriale, di cui circa la metà sarà composta da esperti esterni ai partiti. L’ultima volta che i Paesi Bassi sono stati governati da una coalizione di “esperti” di questo tipo è stato nel 1918.

READ  Il comandante dell'esercito russo Gerasimov è sopravvissuto miracolosamente a un tentativo di omicidio

Contenuti editoriali consigliati

Qui troverai contenuti esterni selezionati dai nostri redattori per arricchire l'articolo con informazioni aggiuntive per te. Qui puoi visualizzare o nascondere i contenuti esterni con un clic.

Accetto che i contenuti esterni possano essere visualizzati per me. Ciò significa che i dati personali potrebbero essere trasferiti a piattaforme esterne. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo nelle Impostazioni di protezione dei dati. Li trovi in ​​fondo alla nostra pagina nel footer, così potrai gestire le tue impostazioni o revocarle in ogni momento.

Come potenziale candidato alla carica di primo ministro L'ex ministro socialdemocratico Ronald Plastreck in conversazione. Ma i leader delle fazioni inizialmente non hanno voluto confermarlo.

Il leader dell'opposizione parla di “giornata preoccupante”

Ma il leader dell'opposizione Frans Timmermans, dell'alleanza Verde-Sinistra, ha parlato di una “giornata preoccupante”.

L'ex commissario europeo ha affermato che ora nei Paesi Bassi esiste un partito populista di destra guidato da Wilders che è al centro del potere. Wilders, a volte in riferimento all’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump Viene definito il “Trump olandese”.Ha ammorbidito alcune delle sue posizioni politiche.

Nelle elezioni del 22 novembre, Wilders e il suo partito anti-islamico hanno ottenuto 37 seggi su 150 in Parlamento. Ma servono almeno altri due partiti per ottenere la maggioranza. Per aprire la strada a un governo di estrema destra di 60 anni Richieste controverse come la messa al bando delle moschee e l'accettazione di rinunciare alla carica di primo ministro. Restano in Parlamento anche i leader dei gruppi parlamentari degli altri tre partiti.

Dopo mesi di faticosi colloqui, mercoledì sera i leader del partito hanno espresso la loro opinione Finora è stato concordato il punto più controverso, ovvero le questioni finanziarie. Ma mercoledì l’accordo è stato rinviato di diverse ore.

READ  La madre riferisce di un incubo nell'animazione

Fino a quando il governo non si farà effettivamente avanti Ci vorranno circa sei settimane. L'ex primo ministro Rutte è stato primo ministro per più di 13 anni. Nell’estate del 2023, la sua coalizione di centrodestra è crollata a causa del disaccordo sulla politica di asilo. Rutte ha poi annunciato il suo ritiro dalla politica ed è ora il candidato più promettente per la carica di Segretario generale della NATO. (Dpa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto