Infezioni record sono state segnalate in tutto il mondo – avvertono le autorità statunitensi

Il numero di casi di dengue sta aumentando drammaticamente in tutto il mondo. Ora anche l’Autorità sanitaria americana lancia l’allarme sul pericoloso virus.

La febbre dengue si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo. L’autorità sanitaria statunitense CDC ora avverte i medici del paese di prestare attenzione ai casi di infezione. Come indica l’allarme, il numero di infezioni globali nel 2024 sarà il più alto mai registrato.

Nelle Americhe, il numero di casi nel 2024 sarà già più alto che mai registrato in un solo anno. Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, finora sono stati segnalati 9,7 milioni di casi, più del doppio del numero registrato in tutto lo scorso anno. Finora i decessi accertati sono più di 5.000.

Emergenze sanitarie e allerta epidemica

Singoli paesi e territori hanno già dichiarato emergenze sanitarie pubbliche, tra cui Porto Rico, Perù e Honduras. El Salvador ha persino emesso un’allerta pandemica dopo che tre bambini sono morti a causa del virus e 25 hanno dovuto essere ricoverati in ospedale.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, solo tra il 2000 e il 2019 il numero di casi segnalati in tutto il mondo è decuplicato, da 500.000 a 5,2 milioni. È probabile che il numero di casi non segnalati sia molto più elevato, poiché in molti paesi la malattia può essere asintomatica e non soggetta a segnalazione. Solo nel 2019, le infezioni sono state documentate in 129 paesi.

In Germania i casi sono aumentati del 324%.

Casi di infezione sono stati segnalati anche in altre regioni europee, tra cui Spagna, Croazia e Francia. I francesi hanno segnalato 1.679 casi alla fine di aprile, rispetto ai 131 dello stesso periodo dell’anno scorso.

Colpita anche la Germania. L'Istituto Robert Koch ha riferito alla fine di maggio: “Nelle prime 17 settimane del 2024 sono stati segnalati 737 casi di dengue (…), ovvero il 324% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (174 casi “). Un decesso è stato registrato anche in Germania. Qui potete leggere di più a riguardo.

Il virus viene trasmesso dalla zanzara tigre asiatica e dalla zanzara della febbre gialla. L'agente patogeno è originario delle regioni tropicali e subtropicali vicino all'equatore, in particolare nella regione dell'Asia-Pacifico e nell'America centrale e meridionale. Tuttavia, a causa dei cambiamenti climatici, dell’aumento delle temperature e delle forti piogge, le zanzare portatrici di malattie si riproducono sempre più in tutto il mondo.

La dengue è causata dai flavivirus e provoca vari sintomi della malattia, che di solito regrediscono senza conseguenze. Solo una persona infetta su quattro mostra qualche sintomo; La maggior parte delle persone contraggono la malattia senza mostrare alcun sintomo. In circa l'1-5% dei casi possono verificarsi malattie gravi e persino la morte.

I segni tipici della malattia includono febbre, brividi, mal di testa, dolori muscolari, dolore alle estremità o dolore osseo. Quest'ultimo ha portato al nome tradizionale “febbre delle ossa rotte”. C'è anche un'eruzione cutanea irregolare. Le complicazioni possono portare a emorragie interne e shock. Se si verifica un grave calo della pressione sanguigna, può essere fatale. Tuttavia, i casi gravi spesso si verificano solo dopo ripetute infezioni da virus.

READ  Carenza, overdose e prevenzione del cancro – Cinque miti sulla vitamina D – Salute e nutrizione

Il Comitato permanente per le vaccinazioni raccomanda che le persone (dai quattro anni in su) che hanno già avuto il virus ricevano la vaccinazione di viaggio con il vaccino Qdenga se viaggiano in paesi con un’epidemia in corso o in aree in cui il virus è endemico (aree tropicali e subtropicali). ). .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto