In Bielorussia, lo stesso giorno per 100 giorni

Sono passati più di 100 giorni dalla controversa rielezione del presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko e dall’inizio di enormi proteste di piazza contro il suo governo. Nonostante molte cose siano accadute in questo periodo, tutto è bloccato in Bielorussia: Lukashenko è riuscito a mantenere il potere grazie al sostegno della Russia, l’opposizione ha ricevuto l’appoggio dell’Unione Europea, che però non è andata oltre le sanzioni, e le forze di sicurezza bielorusse hanno continuato repressione contro i manifestanti, arrestando migliaia di persone e uccidendone tre. E al momento non sembra esserci soluzione alla crisi.

Le proteste sono iniziate poco dopo le elezioni del 9 agosto, quando Lukashenko, che governa autorevolmente la Bielorussia dal 1994, ha dichiarato di aver raccolto appena l’80% dei voti.

Negli ultimi mesi centinaia di migliaia di persone hanno protestato contro il presidente, accusandolo di “rubare” le elezioni e ordinando una brutale repressione dei manifestanti. Dall’inizio delle proteste sono state arrestate circa 17.000 persone, centinaia sono state picchiate dalle forze di sicurezza nella capitale Minsk e in altre città bielorusse e quattro persone sembrano essere state uccise. Quest’ultima è morta il 12 novembre dopo essere stata picchiata dalla polizia: si chiamava Raman Bandarenka, lui era un artista e aveva 31 anni.

Poliziotti bielorussi durante la manifestazione antigovernativa a Minsk il 15 novembre (foto di AP)

Finora, nonostante il sostegno dell’UE, l’opposizione bielorussa non è riuscita a trovare un modo per sconfiggere il regime di Lukashenko; allo stesso tempo nemmeno la Russia che voleva sostituire Lukashenko con un altro politico più popolare ma ancora fedele al governo di Mosca, è riuscita a trovare una valida alternativa.

READ  la lista dei voti - Corriere.it - ​​è smantellata sui conti dello stratega Karl Rov

In effetti, negli ultimi 26 anni al potere, Lukashenko ha creato un vuoto attorno a sé: ha arrestato i suoi principali oppositori e potenziali successori, e ridotto notevolmente i poteri del parlamento. Rumen Dobrynski, Istituto di ricerca economica internazionale di Vienna, Egli ha detto euronews che “i sostenitori delle proteste non sembrano avere un reale peso politico e molto probabilmente potrebbero occuparsi solo del trasferimento del potere”.

Svetlana Tikhanovskaya, seconda classificata alle elezioni del 9 agosto, è in esilio in Lituania dopo aver lasciato la Bielorussia per paura di vendette da parte del regime: la sua capacità di agire è piuttosto limitata, nonostante sia a capo del consiglio di coordinamento, che riunisce oppositori e rappresentanti della società civile. Inoltre, Tikhonovskaya non ha esperienza politica e non è chiaro quale sia il suo programma, se debba diventare presidente. Pare che lei stessa abbia più volte affermato di voler governare il Paese solo durante il periodo di transizione per organizzare nuove elezioni, libere e democratiche, ma senza l’intenzione di ripetersi.

Svetlana Tikhonovskaya a Vilnius, Lituania (AP Photo / Mindaugas Kulbis)

Un’alternativa potrebbe essere Viktar Babaryk, un banchiere considerato il principale rivale di Lukashenko prima delle elezioni ma rimosso dalla lista dai candidati controllati dal regime. Il problema è che Babarik, come molti altri oppositori, è stato arrestato ed è ancora in prigione.

Il giornalista, scrittore, membro della BPF Ales Kirkevich ha detto che la debolezza dell’opposizione è la ragione per cui “molte persone, inclusa Tikhanovskaya, stanno parlando di cambiare tattica. […] Le autorità non sono pronte per un dialogo nei termini dettati dall’opposizione e l’opposizione non può fare altro che proteste di massa. Siamo in un vicolo cieco. “

READ  Coronavirus, un cane contro il Covid che sta rapidamente riscontrando positività in Italia

Domenica scorsa lo era piccoli grandi eventi in diverse città della Bielorussia, nonostante le repressioni statali. Il ministero degli Affari interni della Bielorussia riferisce che 700 persone sono state arrestate in tutto il paese, sebbene l’organizzazione per i diritti umani Viasna ha parlato di 1291 arresti. I recenti eventi hanno minacciato l’Unione europea nuove sanzioni contro il regime, ma finora non ci sono soluzioni a breve termine per sbloccare questa situazione di stallo.

More from Liberatore Esposito

Polonia, migliaia per le strade di Varsavia contro la nuova legge che vieta l’aborto – Corriere.it

Durante la settimana, donne polacche hanno protestato in tutti gli angoli del...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *