Il verme di fuoco si diffonde sulle coste italiane Scienze

A prima vista sembrano millepiedi colorati e innocui, ma il contatto con le loro setole sottilissime a volte può essere molto doloroso: i vermi di fuoco (Hermodice carunculata) si stanno diffondendo attualmente lungo le coste italiane e quest'estate potrebbero causare problemi ai bagnanti sulle spiagge. Si dice che le ondate di caldo degli ultimi due o tre anni abbiano fatto sì che i lombrichi si trovassero più a loro agio nel Mar Mediterraneo al largo delle coste italiane e si diffondessero rapidamente.

Particolarmente colpite sono le coste meridionali: Sicilia, Campania, Puglia e Calabria. Recentemente, l'Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica (OGS) di Trieste ha messo in guardia cittadini e turisti dalle molteplici setole, che possono raggiungere i 30 cm di lunghezza. Michela D'Alessandro dell'OGS ha dichiarato all'agenzia di stampa tedesca (dpa) che i nuotatori non dovrebbero in nessun caso toccare il verme di fuoco se viene avvistato e dovrebbero fare più attenzione quando entrano in acqua.

Non esiste alcun pericolo acuto per i bagnanti

Secondo D'Alessandro non vi è alcun rischio significativo per i bagnanti. Secondo l'annuncio dell'OGS, il contatto con le setole dei vermi può essere pericoloso per la vita solo in caso di allergia, ma è sempre doloroso. Quando entrano in contatto con loro, le setole penetrano nella pelle e solitamente si rompono, rendendone difficile la rimozione. I peli contengono secrezioni tossiche per i nervi e causano bruciore, prurito e intorpidimento. In rari casi sono stati segnalati capogiri e nausea.

Gli esperti D'Alessandro attribuiscono l'attuale rapida diffusione del verme all'aumento delle temperature nella regione del Mediterraneo negli ultimi anni. Questa specie è lì da secoli, ma dal 2018 viene avvistata ogni anno con maggiore frequenza. La loro prevalenza è aumentata in modo particolarmente marcato negli ultimi due o tre anni dopo le forti ondate di caldo. Ci sono anche altri fattori che ne favoriscono la diffusione nel periodo estivo, come ad esempio la mancanza di predatori.

READ  Berlino sarà come l’Italia del futuro: il tempo climatico salterà all’anno 2080

Il verme causa problemi anche ai pescatori

I lombrichi delle spiagge si trovano non solo sui fondali duri, sulle praterie di alghe o occasionalmente nella sabbia, ma soprattutto nel mare. Causano difficoltà soprattutto ai pescatori: spesso nelle loro reti e negli attrezzi da pesca trovano grandi quantità di vermi. Per controllarne e contenerne la diffusione è stato lanciato il progetto “Worms Out”, al quale partecipano diverse università italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto