“Il vaccino non sarà obbligatorio. Viaggia per Natale solo quando tutte le regioni sono gialle »

“A proposito di anti-Infezione da covid da coronavirus Comincerei con uno opzionale, ma valuteremo ”. Così ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza parlando in Che tempo che fa su Rai3. L’Italia deve cercare di ottenere l’immunità di gregge e quindi la vaccinazione di massa contro il contagio “con convinzione”. “Penso che con l’aiuto di una vera azienda si possa provare a ottenere l’immunità di gregge senza iniziare con quella obbligatoria, ma sarà una valutazione che faremo tra pochi mesi”.

Covid, KTS: “Rischio della terza ondata, controlli e sanzioni per gli acquisti natalizi”

Nuovo dpcm, la scuola aprirà a dicembre? Ecco il piano del governo (Azalina nei leader)

«Sono state create tutte le condizioni per controllare la catena del freddo per il vaccino Pfizer, che arriverà primo. ma arriveranno altri vaccini, che in ogni caso dovranno essere organizzati“Ha aggiunto.

“Attenzione a non riportare segnalazioni errate di vaccini. Siamo alla vigilia di una campagna globale, una delle più grandi della storia, e io, – ha detto Speranza, – mi fido il più possibile delle istituzioni competenti. Perché l’EMA o l’AIFA siano in ordine, sono necessari processi molto difficili “. vaccino, ha spiegato, “arriverà con le prime dosi già alla fine di gennaio, ma ci vorrà del tempo. Nella migliore delle ipotesi avremo vaccini per 1,7 milioni di persone entro la fine di gennaio. Poi speriamo che altri vaccini arrivino e la primavera sarà “Vaccinazioni di massa. Inizialmente l’argomento sarà la scelta di chi si vaccina. Penso sia giusto”, ha concluso, “iniziare con le categorie più esposte, in prima linea e con le più fragili”.

READ  Milano, condanna ridotta allo stupratore. I giudici: "Condotta della vittima troppo casuale"

“Le stanze sono ancora pesanti”

«La situazione, secondo il ministro, è molto grave, oggi quasi 600 persone hanno perso la vita e sono ancora tanti i casi. Allo stesso tempo, tuttavia, rt è diminuito ei nostri tecnici pensano che diminuirà nei prossimi giorni. Ma sono ancora le prime conseguenze delle misure prese e sono ancora insufficienti. Abbiamo ancora una messa e non possiamo abbassare la guardia».

Così come per le zone rosse »Dovremo valutare attentamente i dati nei prossimi giorni. È chiaro che il territorio vuole uscire dalla zona rossa, ma bisogna stare attenti. Le misure stanno dando i primi risultati, ma dobbiamo discutere con scienziati e tecnici. Lavoro con tutti i presidenti della regione senza divergenze politiche e rifiuto le controversie. Per me, questa linea rimane estremamente cauta.

Traffico solo se in tutte le regioni gialle

Il passaggio tra le regioni a Natale, “per il modello che utilizziamo, può avvenire solo quando tutte le regioni si spostano nella zona gialla, ma a questo punto dobbiamo evitare tutti gli spostamenti non necessari. Dobbiamo pianificare attentamente le nostre vacanze “. Lo ha detto il ministro Roberto Sperans nella sezione Che tempo che fa di Rai 3.

Covid Italia, newsletter di oggi 22 novembre: in calo il numero dei nuovi contagi (28.337) e la mortalità (562), il rapporto strisci positivi è del 15%

Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati rilevati 28.337 nuovi casi di Covid, oltre 6.000 in meno rispetto a ieri, per un totale di 1.408.868 persone contagiate dall’inizio dell’emergenza. È diminuito anche l’aumento del numero delle vittime – 562 in un giorno, ieri – 692, per un totale di 49.823.

READ  jogging, fumo per strada e negozi al coperto - Corriere.it

Ultimo aggiornamento: 22:52


© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

More from Agapeto Napolitano

Borsa Italiana, commento della seduta odierna (22 settembre 2020)

I titoli del settore bancario restano sotto i riflettori, dopo la correzione...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *