Il ritorno dell’aquila barbuta – Spettro della scienza

Il ritorno dell’aquila barbuta – Spettro della scienza

Oggi sappiamo che gli avvoltoi barbuti, essendo persone a dieta estrema, nutrono quasi il 90% delle ossa e del midollo degli animali morti. Se le altre specie di avvoltoi che vivono in Europa – il grifone, l’egiziano e i leoni – inseguono la carne degli animali morti, gli avvoltoi barbuti non arrivano fino a quando i parenti non hanno finito. Divorano in una volta intere gambe di pecora, capra o camoscio caduto. Il midollo osseo è ricco di grassi e un quarto dell’osso stesso è anche costituito da materia organica che lo stomaco di un’aquila acida può facilmente elaborare.

Trucco all’ossido di ferro

Se l’osso è troppo grande per essere inghiottito, le aquile lo trasportano in alto su un campo roccioso e lo lasciano cadere da un’altezza di 80 metri. In rotazione, seguono le ossa e poi raccolgono le schegge. Questa particolarità valse loro il soprannome di “un frantoio di ossa”, che si riflette ancora oggi nei nomi spagnoli.

Aquila barbuta in voloCarico …

© Thomas Krumenacker (Dettagli)

Aquila barbuta in volo | La fauna è tra gli uccelli più grandi d’Europa e vive principalmente sulle montagne dai Pirenei alla Turchia.

Poiché i barbuti, a differenza dei loro parenti, non devono penetrare in profondità nei corpi insanguinati degli animali morti a causa della loro preferenza alimentare, hanno anche piume naturali e non il collo di piume tipico degli avvoltoi per motivi di igiene. Tuttavia, non rinuncia al colore. Le piume bianche del viso e del collo erano originariamente macchiate di rosso ruggine dalle aquile adulte quando erano immerse nel fango contenente ossido di ferro. Le ragioni di ciò sono state a lungo perplesse. Gli esperti dell’aquila oggi credono principalmente che il pigmento rosso intenso sia una sorta di status symbol per alcune persone. In questo modo si può indicare la superiorità e si possono evitare combattimenti drenanti. Anche questo indica Apparentemente le aquile stanno mantenendo le aree montuose particolarmente lussureggianti con una soluzione per far cadere l’ossido di ferro un segreto dagli altri.

Un progetto con buone possibilità di successo

Gli ambientalisti degli uccelli e gli amministratori dei parchi nazionali hanno a lungo meditato se provare a reintrodurre le aquile barbute in Germania. “Nel parco nazionale, miriamo sempre a integrare la flora e la fauna e il gipeto è una specie chiave nell’ecosistema alpino elevato”, afferma Schaeffer. D’altra parte, la naturalizzazione può essere più di un semplice fuoco di paglia se vengono rimosse le cause che hanno portato all’estinzione di una specie. Per chiarire questo aspetto, LBV ha commissionato uno studio di fattibilità. In esso, il biologo Tony Wijschieder certifica che il progetto ha buone prospettive di successo. Ci sono troppi ungulati là fuori, con abbastanza animali morti da abbattere gli avvoltoi mangiatori di carogne. Anche il pascolo estivo degli animali nelle regioni alpine fornisce cibo in abbondanza quando il bestiame muore o cade.

Lo studio esamina anche altri fattori chiave per il reinsediamento alpino tedesco e, soprattutto, l’umore positivo nei confronti degli uccelli. Wegschider ritiene che “la persecuzione diretta e rischi simili siano trascurabili”. “Con i lupi, i nervi sono tesi e tutti aspettano con impazienza l’aquila barbuta”, dice Schaeffer delle sue visite.

Giovane aquila barbutaCarico …

© Stock AGAMI / Getty Images / iStock (dettagli)

Giovane aquila barbuta | Gli avvoltoi barbuti più tardi nella vita dipingono le loro piume di un rosso ruggine con l’aiuto dell’ossido di ferro. L’intensità del colore può convincere i concorrenti.

È probabile che il momento arriverà a maggio. Tutto è pianificato meticolosamente: le aquile selezionate vengono poi sbiancate delle penne di volo in modo che possano essere riconosciute in seguito, ricevono i trasmettitori satellitari, quindi gli uccellini trascinano gli animali in scatole di legno lungo sentieri ripidi verso la loro nuova casa e li mettono nella posizione esatta. viso. Lì sono sorvegliati 24 ore su 24 da una squadra di ornitologi, che si trovano in una roulotte in vista. Ogni giorno le aquile ricevono ossa all’alba, invisibili agli uccelli. Le aquile impiegano tre o quattro settimane per usare esercizi a secco per rafforzare i muscoli del volo abbastanza da avventurarsi nella natura per la prima volta.

READ  Covid, 98 contagiati in Emilia-Romagna. A Modena 8 casi - Società

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News