Il nuovo Segretario Generale della NATO: chi è Mark Rutte e cosa vuole ottenere?

Al: 20 giugno 2024 alle 19:29

Adesso anche la Romania ha abbandonato il blocco contro Mark Rutte come nuovo segretario generale della NATO. Ciò significa che l'olandese dovrà prendere il posto di Lins Stoltenberg da ottobre. Chi sarà il prossimo presidente della Nato?

Lavorava per questo momento da molto tempo. Testardo ma discreto: per Mark Rutte è importante che tutti coloro a cui tiene siano al suo fianco. E non resta indietro chi usa il suo tipico modo di fare politica, cioè una allegra cordialità che, come dice lui, deve essere sempre disponibile, prevedibile e affidabile, anche verso chi non ci può niente.

“Ciao, sono Marco!” – Così si presenta spesso Mark Rutte alle persone che non sanno esattamente dove collocare l'olandese e come valutarlo. Molte persone intorno a lui sono sempre sorprese da ciò che ricorda. Piccole cose, ad esempio quando è il compleanno di qualcuno. Rutte attribuisce grande importanza all'essere visto come un “politico umanitario” piuttosto che come una persona autoritaria. Questo lo aiuta a sventare i suoi avversari, anche se hanno argomenti migliori.

Adesso Roti è dove si vede da tempo. In procinto di diventare capo della NATO. All'inizio ignorò gentilmente coloro che la vedevano così da molto tempo. Come un ostinato corrispondente britannico al vertice dell’Unione Europea dello scorso novembre: Rutte all’epoca dichiarò con calcolata ambiguità di essere “fuori gara”, spiegando subito che era ancora primo ministro e aveva ancora molto da fare qui. A quel tempo, i Paesi Bassi stavano attraversando una crisi di governo che lui stesso sembrava aver improvvisamente scatenato.

READ  Incidente aereo svizzero: i piloti sono responsabili! - Notizie all'estero

È impossibile discutere con lui

Nell’estate del 2023, il primo ministro di lunga data di successo, che si definisce un “social-liberale”, ha improvvisamente cancellato la coalizione guidata dal suo Partito Liberale dopo 13 anni e tre elezioni. Il motivo – che agli olandesi, abituati alle prove di forza, sembra banale – è che Rutte voleva inasprire la legge sull'asilo, ma non tutti i membri della coalizione erano d'accordo con lui. Solo dopo poche settimane è diventato chiaro che qualcuno stava lavorando silenziosamente e con tenacia su piani completamente diversi, ma non voleva intromettersi.

E quasi nessuno se ne offende. I compagni di classe della televisione olandese NOS ricordano che Mark, nato nel 1967, è sempre stato molto calmo e amichevole. È impossibile discutere con lui. Anche Donald Trump potrebbe averlo notato, quando ha elogiato goffamente e superficialmente le presunte “buone” relazioni con l’UE durante la visita di Rutte a Washington. “No, i rapporti non sono buoni”, ha detto Rutte. Poi ha riso ad alta voce, sorprendendo Trump. La scena si diffuse ampiamente sotto lo slogan: osa fare qualcosa.

Il suo principale avversario nell'UE, l'ungherese Viktor Orban, non ha ricevuto nulla dagli attacchi amichevoli di Rutte, almeno ai vertici di Bruxelles – e non sapeva perché lo attaccava sempre in questo modo. Alla fine, Orban era troppo debole per rovinare la sua carriera nella NATO. Rutte è molto popolare nei Paesi Bassi. Mentre era ancora capo del governo, ha dato lezioni di politica volontaria in una scuola secondaria dell'Aia.

Ha poi spiegato ai bambini la NATO come un'alleanza in cui le persone si impegnano ad aiutarsi a vicenda militarmente e politicamente. Deve esprimersi agli studenti in modo conciso e chiaro, come avviene ai vertici dell'UE, “con cinque minuti di parola per tutti. Alcuni parlano molto più a lungo, io no”, si è elogiato Rutte, forse per dimostrare di aver avuto mettere le cose in chiaro. A questo punto può raggiungere.

READ  Guerra di aggressione della Russia: Stoltenberg propone un pacchetto di 100 miliardi di euro per l'Ucraina

La sua vita privata è un tabù

Mark Ruti – a volte sulla sua city bike o su una vecchia macchina usata, a volte con jeans attillati e felpa con cappuccio, a volte con un abito azzurro: sempre dinamico, fanciullesco e un po' misterioso. Vita privata – tabù. Si sa solo che era molto legato a sua madre morta quattro anni fa, che vive da solo, medita, va sullo skateboard, suona il piano, legge Thomas Mann, e da molto tempo non ha più un computer a casa e solo ha un vecchio cellulare.

Rutte era il più giovane di una famiglia numerosa, studiò storia e lavorò a lungo nel reparto risorse umane di una grande azienda prima di dedicarsi alla politica. Lì ha raggiunto l'apice: “Puoi raggiungere questo obiettivo solo come squadra, serve ottimismo, devi impegnarti molto per portare avanti la tua causa”, ha spiegato una volta Rutte durante una visita in Germania. Poi, con un vecchio detto, concludiamo con il proverbio olandese: “La fiducia arriva lentamente, ma svanisce con il nemico”.

Lo aspetta enorme Sfide

Guadagnare la fiducia sarà importante nella sua nuova posizione perché le sfide sono enormi. Rutte vuole usare la NATO per aiutare ulteriormente l’Ucraina contro la Russia. Per lui personalmente l'esperienza dell'abbattimento del volo MH17 della Malaysia Airlines il 17 luglio 2014 risuona con le prime fasi della guerra. L'aereo è stato colpito da un missile antiaereo russo. Morirono tutti i 298 prigionieri, compresi 80 bambini, la maggior parte dei quali erano olandesi che volevano andare in vacanza. Per questo crimine, un tribunale dei Paesi Bassi ha condannato in contumacia un colonnello dell’intelligence russa, insieme ad altri imputati, all’ergastolo nel 2022.

READ  Magliette, articoli dei fan: il look di Bernie Sanders vale 1,8 milioni - La politica all'estero

Con Rutte, la NATO deve essere meglio armata contro i potenziali piani di Putin di attaccare uno stato membro della NATO. Poi c’è Donald Trump. Se si trasferisse nuovamente alla Casa Bianca, ciò potrebbe significare che la NATO dovrà prepararsi a un’alleanza a lungo termine senza gli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto