Il Giappone, mosso da Kovid, l’Asia sta ora vivendo una terza ondata

CHENAI (INDIA). Ed è arrivatoVoglio che la terza ondata vada ai paesi asiatici che finora sono stati in grado di contenere la pandemia esemplare. In Corea del Sud, domani iniziano le restrizioni più severe; Hong Kong sta vivendo una quarta ondata; Il Giappone sta lottando tra misure contrastanti e allarmanti picchi di contagio; mentre in Indonesia e Malaysia tra novembre e dicembre sono stati raggiunti picchi record.

*** Iscriviti alla newsletter Covid

Ogni volta che il virus si diffonde come un fantasma silenzioso tra bar, strade e case, i governi di questi paesi intervengono prontamente, limitando le riunioni e mettendo in moto un ingranaggio lubrificato per isolare il maggior numero di casi possibile. E ogni volta l’infezione si è calmata per alcune settimane, tornando al tipo di normalità. Sono i paesi, in particolare la Corea del Sud, Taiwan e Singapore, che hanno stabilito lo standard per combattere la pandemia.

Quindi, il coronavirus uccide: il 3D viaggia attraverso il corpo umano dall’infezione a ciò che accade ai polmoni

Ma questa volta potrebbe essere più difficileicato a causa del generale Winter. Secondo alcuni studi, il freddo secco che sta per coprire questa regione asiatica rischia di aumentare l’infezione del 10-20 per cento, anche se Covid è meno sensibile alla stagionalità influenzale. Ma le amministrazioni stanno cercando di spostarsi tra la necessità di ridurre la crescita mostruosa e consentire alla produzione di sopravvivere. Inoltre, anche qui si fa largo l’esaurimento di Kovid. Dopo settimane su e giù, tra aperture e chiusure, la dura obbedienza e lo spirito di squadra iniziano a rivelare alcune crepe. Ed è a causa di questi due fattori – il clima freddo che fa incontrare le persone in casa più spesso che in estate, e la stanchezza dovuta ai lunghi periodi di pandemia – il rischio di molti focolai. A Seoul, il termometro tocca – 7 gradi. Ieri sono stati registrati 631 casi, il picco massimo negli ultimi nove mesi, il numero totale di casi attivi – 7873. Pertanto, a partire da domani, saranno vietati gli incontri con più di 50 persone. Karaoke al coperto, bar e palestre. Il ministro della Salute Pak Nung-Hu ha dichiarato: “La situazione è sul punto di degenerare in una pandemia nazionale”. Secondo la Seoul National University, in questi giorni le misure, nonostante siano state applicate con attenzione a marzo, stanno ottenendo risultati inferiori rispetto alla primavera scorsa.

READ  Gesto motorio della Pantera Nera, un cane che cerca di "rianimare" e salvare un gatto investito da un'auto

In Giappone ci sono più morti per suicidio che vittime di virus, soprattutto giovani donne: ecco cosa succede

Il Giappone, d’altra parte, è il paese più a rischio tra le nazioni asiatiche. La terza economia mondiale è riuscita a contenere le infezioni, causando relativamente pochi danni alle imprese. Ma poi, a novembre, l’epidemia è ricominciata e il mese scorso i record giornalieri hanno raggiunto 2.600 casi 28. Non abbastanza per un Paese di 126 milioni, ma questo porta al fatto che gli ospedali sono già a rischio di saturazione se il trend non cambia. Questo è il paese con la più alta percentuale di anziani al mondo – 28% sopra i 65 anni. Ma il governo del nuovo premier Yogihide Suga, invocando la distanza sociale, l’uso di maschere e lavarsi le mani, non ha fermato il programma “Go To Travel”, che incoraggia i viaggi sovvenzionati in Giappone, e lo riprende entro giugno 2021.

Hong Kong non è migliore. Dopo l’avvio dei casi tra luglio e agosto, il problema è stato contenuto, anche creando un corridoio per i viaggi con Singapore. Non fare nulla, a fine novembre l’iniziativa è stata bloccata perché prematura.

Quali sono le sensazioni fisiche quando si è infettati da un coronavirus: dall’infezione alla guarigione

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *