Il dibattito Trump-Biden, la parte finale è la più inquietante

Parte discussione tra Trump e Biden che quest’ultimo dovrebbe interessare ed emozionare il mondo. Per la prima volta nella storia americana, il candidato, o meglio il presidente uscente, prima del voto fa capire che non è chiaro che accetterà il risultato. Tra le notizie imprecisate sulle schede elettorali, chiaramente votate per Trump, trovate in un unico paniere di uno stato e una bufala sulla frode che è già in corso, Trump in pratica ha detto quello che nelle pagine del quotidiano Quarry avevamo temuto poche settimane fa: la possibilità di stagnazione nel meccanismo elettorale fondamentale che governa la democrazia americana. Il mancato riconoscimento della vittoria sarebbe una novità assoluta nella storia recente degli Stati Uniti. Una tragica novità. Perché avverrebbe in un clima di estrema radicalizzazione, la cui discussione ha turbato e sconvolto lo specchio. E questo avverrà nel cuore di una doppia crisi globale dettata dalla pandemia e dalle sue devastanti conseguenze economiche e sociali. Se l’America si fosse fermata, se i sostenitori di Trump, ora organizzati nelle milizie, fossero scesi in campo per difendere il loro presidente a tutti i costi, il mondo, a cominciare dai mercati, avrebbe lampeggiato in modo pericoloso.

Trump ha attaccato direttamente Biden (ecco il punto del dibattito presidenziale). sembrava voler votare contro. Naturalmente, la strategia vincente quando sei sfidato è più difficile da mantenere quando sei nell’ufficio ovale per quattro anni. Si è elogiato tra bugie palesi e omissioni grossolane, fino alle accuse sfacciate secondo cui non c’è mai stato un presidente che avrebbe fatto quello che ho fatto io. Con tutto il rispetto per Washington, Lincoln, Roosevelt e molti altri nuovi. Tra questi, ci sono articoli dell’estate del 2015 per testimoniare che predicevano la vittoria di Trump alle elezioni repubblicane e la sua elezione alla Casa Bianca.

READ  USA 2020, gli hacker ruberanno 2,3 milioni destinati alla campagna elettorale di Trump

Ma ora qualcosa non va. Mi sembra di aver visto tutti i dibattiti televisivi del dibattito presidenziale. Nel disco c’è il famoso Kennedy – Nixon e dai contemporanei che sanno tutto ciò che segue, da Ford – Carter fino ai giorni nostri. Non ho mai assistito a uno spettacolo come ieri sera. la lotta è andata in onda e Trump ha mostrato aggressività sin dall’inizio può certamente abbracciare i suoi sostenitori più estremi, ma sembra che il presidente uscente sia più un’espressione di debolezza che di sicurezza. D’altra parte, Trump è arrivato a una discussione che è stata dimostrata dalle rivelazioni del New York Times sui suoi conti fiscali e la confusione che rasenta il diniego che ha affrontato con una pandemia che sconvolge l’America. Biden, come previsto, non ha mai colpito, nonostante la ricchezza di argomenti e la vulnerabilità dell’avversario che aveva a disposizione. Apparentemente la televisione non è a misura. La scelta più efficace era spesso quella di rivolgere gli occhi e le parole direttamente al pubblico piuttosto che all’avversario. Ma hai visto che non era calmo, non era sicuro. Nonostante ciò, secondo un sondaggio della CNN, sei spettatori su dieci vincerebbero la sfida. Non detto, perché non dovremmo mai fidarci dei sondaggi. La Clinton è stata anche dichiarata vincitrice in un confronto televisivo con Trump, ma poi, nonostante abbia vinto il voto popolare, ha perso la presidenza.

Il voto dell’America ha qualcosa di più complicato. Tuttavia, alla fine dello scontro si ha la sensazione che il presidente sia costretto ad attaccare con la forza il suo avversario, ad utilizzare tecniche aggressive, eccessivamente aggressive. E incapace persino di condannare il suprematismo bianco e le sue teorie estreme. Un altro dato che distingue la modesta discussione di martedì sera dal resto è la totale assenza di politica estera. È come se gli Stati Uniti ora si nascondessero nella loro tana, “l’America prima”, e avessero deciso di rinunciare al ruolo di guida del mondo occidentale. La globalizzazione, i nuovi equilibri geopolitici, la rivoluzione tecnologica, la trasformazione delle classi lavoratrici e sociali, l’istruzione sono state escluse dalle urla e dagli insulti che hanno oscurato Cleveland Night.

READ  5 possibili scenari (e perché l'uso universale della maschera può salvarci) - Corriere.it

Le due Americhe sono emerse, forse mai così conciliabili come lo sono oggi. Dovrebbe anche far riflettere i teorici sul superamento del valore e delle differenze politiche. Ma i suoi stati d’animo erano più che idee, più che programmi. Più convulsioni che sogni. L’impressione è che il Paese sia stagnanteparalizzato dalla politica e dai toni estranei alle sue tradizioni. Con una buona notizia. Indagine del New York Times e un modo oggettivo di dialogare con un reporter di Fox, un network vicino a Trump, ci conferma che la stampa americana è ancora in gran parte un fattore di equilibrio democratico.

La domanda da cui siamo partiti rimaneche è diventato più acuto grazie all’esplicito riconoscimento di Trump nella parte finale del dibattito. L’America sarà in grado di eleggere un presidente in cinque settimane? Se i risultati delle tendenze elettorali non sono evidenti, e cosa non lo è, ciò dovrebbe preoccupare tutti nel mondo il rischio di una crisi democratica in questo paese. Quando questo accade, le conseguenze per la vita di tutti noi possono essere davvero drammatiche.

30 settembre 2020 (modifica il 30 settembre 2020 | 11:41)

© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

More from Liberatore Esposito

Una breve storia dei cartelli elettorali del giardino

Ai primi di novembre, quando le elezioni presidenziali americane avranno un risultato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *