Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU sostiene il piano di cessate il fuoco nella Striscia di Gaza

Al: 10 giugno 2024 alle 22:44

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha espresso il suo sostegno al piano di cessate il fuoco a Gaza presentato dal presidente americano Biden. 14 paesi hanno votato a favore della risoluzione e la Russia si è astenuta dal voto. Il piano prevede la fine dei combattimenti in tre fasi.

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha approvato il piano di cessate il fuoco nella Striscia di Gaza presentato dal presidente americano Joe Biden. L'organismo più potente delle Nazioni Unite a New York ha votato a favore di una risoluzione simile. 14 Stati membri hanno approvato il progetto di risoluzione e la Russia, che ha potere di veto, si è astenuta dal voto.

L’ambasciatrice americana Linda Thomas-Greenfield ha poi dichiarato: “Oggi abbiamo votato per la pace”. Il Consiglio ha inoltre inviato “un messaggio chiaro a Hamas: accettate l'accordo di cessate il fuoco sul tavolo”. Thomas-Greenfield ha detto che Israele ha già accettato l'accordo, “e i combattimenti potrebbero finire oggi se Hamas farà lo stesso”.

Il piano prevede la fine dei combattimenti nella Striscia di Gaza in tre fasi e la liberazione degli ostaggi rapiti dalla milizia terroristica di Hamas in cambio della liberazione dei prigionieri palestinesi. Secondo gli Stati Uniti solo Hamas non ha ancora approvato il piano. Ma finora non ha ricevuto un’approvazione chiara e pubblica da parte del governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Un appello all’attuazione “senza ritardi e senza condizioni”

La decisione è vincolante secondo il diritto internazionale. Ha annunciato che Israele ha accettato il piano e ha invitato il movimento islamico armato Hamas a seguirne l'esempio. Il testo esorta tutte le parti interessate ad attuare il piano “senza ritardi e senza condizioni”.

READ  USA: rilasciato il presidente dei Proud Boys Henry Enrique Tarrio: deve lasciare Washington

Questa è l'undicesima volta dall'inizio della guerra a Gaza che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite vota una risoluzione sul conflitto. Sono state adottate solo quattro proposte di risoluzione.

Il progetto è stato presentato alla fine di maggio

L’ambiziosa bozza di accordo presentata da Biden alla fine di maggio prevede inizialmente un cessate il fuoco completo e senza restrizioni per sei settimane. Durante questo periodo verrà rilasciato un gruppo specifico di ostaggi. In cambio, i palestinesi imprigionati in Israele verranno rilasciati.

Nella fase successiva i combattimenti termineranno definitivamente e gli ostaggi rimasti verranno rilasciati. Secondo il progetto, la ricostruzione della Striscia di Gaza dovrà iniziare nella fase finale.

Nella risoluzione, il Consiglio di Sicurezza dell'ONU afferma anche l'impegno a favore della visione di una soluzione a due Stati in cui Israele e Palestinesi possano vivere pacificamente fianco a fianco. Per raggiungere questo obiettivo è importante riunire la Cisgiordania e la Striscia di Gaza sotto la guida dell’Autorità Palestinese. Il governo israeliano attualmente lo respinge fermamente.

L’Unione Europea sostiene la proposta

Al Jazeera ha riferito che Hamas ha accolto con favore la decisione e ha ribadito la sua disponibilità a continuare i negoziati indiretti per raggiungere un accordo. Tuttavia, secondo l'agenzia di stampa tedesca, la reazione positiva non rappresenta l'accettazione ufficiale del piano.

Il capo diplomatico dell'UE Josep Borrell ha affermato che l'Unione europea chiede che il piano venga attuato immediatamente. La comunità internazionale sostiene pienamente la proposta globale presentata da Biden.

I terroristi di Hamas e altri gruppi estremisti della Striscia di Gaza hanno invaso inaspettatamente il sud di Israele il 7 ottobre. Lì uccisero più di 1.200 persone e presero più di 250 in ostaggio. Il massacro scatenò la guerra di Gaza. Da allora, secondo l’autorità sanitaria controllata da Hamas, sono stati uccisi più di 37.000 palestinesi. Queste informazioni, che non fanno distinzione tra combattenti e civili, non possono essere verificate in modo indipendente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto