Il comandante di Putin ordina le decapitazioni nella guerra in Ucraina

  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Nella guerra in Ucraina, la crudeltà dell’establishment militare russo sembra non conoscere limiti. Una registrazione audio rivela ordini spaventosi da parte di uno dei leader.

DONETSK – La brutalità della guerra è stata evidente fin dall’inizio del conflitto in Ucraina. Le forze russe sembrano non avere limiti nella loro brutalità, compreso l’uccisione di civili e la tortura di prigionieri di guerra. Registrazione audio fornita al giornale online ucraino Pravda ucraina Lo scopo è quello di denunciare l'orribile crudeltà di alcuni partecipanti alla guerra: un comandante russo sembra invitare le sue forze a non fare prigionieri e a decapitare i soldati ucraini.

Nella registrazione, il comandante ha anche ordinato alle sue truppe di mettere una testa ucraina decapitata su un palo e di esporla come deterrente per le restanti forze di Kiev. Il russo giura nella registrazione: “Prendete le maledette armi americane”. Prendi tutto: documenti, soldi, mannaggia. Oro e diamanti, togligli i denti, tagliagli la testa e portamelo».

I soldati ucraini tentano di difendere la regione di Donetsk. Tuttavia, le forze russe continuano ad avanzare. © Imago/Madeleine Kelly

L'Ucraina indaga sulla Russia: soldati di Kiev sono stati decapitati durante la guerra

Si dice che la foto, scattata il 17 giugno, sia stata scattata vicino al villaggio di Staromagorsky nel distretto di Volnovakha nell'oblast di Donetsk. la verità Ho menzionato anch'io. Tuttavia, l'autenticità della registrazione non può essere confermata in modo indipendente.

Il procuratore generale ucraino Andriy Kostin sta attualmente indagando su altri incidenti simili che, secondo quanto riferito, si sono verificati anche nell'oblast di Donetsk. Martedì (18 giugno) una dichiarazione sul sito ufficiale dell'ufficio del procuratore generale ucraino afferma di avere informazioni secondo le quali le forze di occupazione russe hanno giustiziato i soldati ucraini decapitandoli.

READ  Dopo Capitol Storm: decine di migliaia di repubblicani lasciano il partito

La “terribile barbarie” della Russia nella guerra in Ucraina: ignorare la Convenzione di Ginevra

Sembra esserci un collegamento tra la registrazione audio e le indagini della Procura generale. Tuttavia, non è chiaro se la registrazione sia stata inclusa nelle indagini. Il procuratore Kostin ha sottolineato: “Questa è una terribile barbarie che non trova posto nel 21° secolo”. Nel comunicato ufficiale rilasciato dalla Procura generale ucraina si legge inoltre che in un veicolo blindato abbandonato è stata ritrovata la testa mozzata di un soldato ucraino. Non è chiaro se si tratti della stessa persona menzionata dal comandante russo nella registrazione.

Uccidere il nemico è comune in guerra, ma anche in guerra ci sono delle regole. La Convenzione di Ginevra del 1949 e lo Statuto di Roma della Corte internazionale di giustizia definiscono chiaramente ciò che rientra nel termine “crimini di guerra” e sono anche vietati in guerra. L’articolo 8 della legge prevede, tra le altre cose, la tortura, l’uccisione di civili e la distruzione deliberata di infrastrutture vitali come gli impianti idrici ed elettrici. Tutte cose di cui il Cremlino non si vergogna nella guerra in Ucraina.

Altri crimini di guerra commessi dall'esercito russo nella guerra in Ucraina: le Nazioni Unite indagano

Non solo la Procura generale ucraina, che documenta i crimini di guerra commessi dagli occupanti russi dall’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, ma anche le Nazioni Unite stanno indagando sui crimini di guerra in Ucraina. In un rapporto del 15 marzo, il comitato delle Nazioni Unite che indaga sulle violazioni dei diritti umani nella guerra in Ucraina ha avanzato gravi accuse contro la Russia.

Ad esempio, secondo quanto riferito, un soldato ucraino è stato torturato per diverse settimane. “Ho perso ogni speranza e voglia di vivere”, ha detto il soldato nel rapporto. Dopo il suo rilascio, l'ucraino è stato ricoverato in ospedale 36 volte. Tuttavia, è discutibile se la Russia possa essere ritenuta responsabile dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. Finché Vladimir Putin resta al potere in Russia, la giustizia per i crimini di guerra commessi sembra sfuggente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto