Il colesterolo favorisce la formazione delle placche del morbo di Alzheimer

Il colesterolo favorisce la formazione delle placche del morbo di Alzheimer

Medico. Karen Zoffel | 21/09/2021

È noto da tempo che i geni correlati al colesterolo hanno un’influenza sul rischio di malattia di Alzheimer. I ricercatori sono stati in grado di spiegare un po’ meglio questo legame: il colesterolo prodotto nel cervello può svolgere un ruolo importante nello sviluppo del morbo di Alzheimer, riferiscono sulla rivista specializzata “PNAS”.

Ricercatori statunitensi hanno scoperto che alcune cellule cerebrali – gli astrociti – promuovono lo sviluppo del morbo di Alzheimer producendo più colesterolo. Ciò aumenta la produzione di beta-amiloide e favorisce la formazione della placca. Negli esperimenti sugli animali è stato possibile ridurre la produzione di colesterolo negli astrociti e quindi la formazione di placche nei topi. Le nuove scoperte aiutano a capire come e perché si formano le placche. L’osservazione potrebbe anche spiegare perché i geni correlati al colesterolo influenzano il rischio di malattia di Alzheimer.

I nostri dati dimostrano l’importanza di concentrarsi sulla produzione di colesterolo negli astrociti e sul suo trasporto nei neuroni al fine di ridurre l’amiloide-beta e prevenire la formazione di placche. ha detto il dottor. Heather A. Ferris dell’Università della Virginia.

Cosa faccio 10.1073/pnas.2102191118

READ  È stata identificata la causa principale del diabete

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News