I sogni “Milva” diventano realtà in Sardegna

I sogni “Milva” diventano realtà in Sardegna

Il vero nome di Milva è Kathleen. Ma quasi nessuno li chiama così. I suoi capelli rosso fuoco, lunghi e ricci hanno fatto guadagnare alla donna Heringsdorf il soprannome di grande dama della chanson italiana. Il “naming” è avvenuto sul campo di pallamano. Una giovane donna di Anklam è venuta sull’isola per lavoro nel 1998 e si è trovata improvvisamente sul piatto con le donne di pallamano dell’HSV. “La prima cosa che ho sentito dalle ragazze è stata ciao Milva. Questo è ancora il caso oggi “, afferma il 44enne.

Milva è conosciuta in tutto il mondo, la versione Usedomer ci sta ancora lavorando e ora ha fatto il primo passo. Kathleen Berndt ha partecipato al campionato mondiale IFBT (International Federation Beach Tennis) di beach tennis. Prima assoluta per la madre di due figli, che finora è arrivata al campionato distrettuale di atletica leggera o al campionato di pallamano.

Al fianco di una donna marocchina

E ora un Mondiale in Sardegna. “Un sogno che deve essere realizzato”, afferma Kathleen Berndt. E il sogno non deve finire affatto, perché è tornata dall’Italia con due medaglie in maniera clamorosa. Argento negli over 40 femminili con la pluricampione del mondo ungherese Zsuzsanna Kovacs, bronzo negli over 30 con la marocchina Imane Ouafiki.

Più di 300 atleti provenienti da 20 nazioni hanno iniziato in varie discipline e nelle gare delle nazioni su 18 campi da gioco in sabbia profonda. C’erano 15 nel Team Germany, dodici dei quali dal Meclemburgo-Pomerania Occidentale. “Siamo stati lì per una settimana”, dice Kathleen. Noi, con questo, intende i suoi colleghi di HSV Insel Usedom. Il piccolo gruppo di beach tennis è entrato a far parte della HSV come divisione. Dopo i tornei di Boltenhagen e Dierhagen, si è passati direttamente al grande palcoscenico.

READ  FC Bayern: tensioni con Salihamidzic: futuro di Flick incerto - a causa di Rummenigge - FC BAYERN MÜNCHEN

Uno sport giovane che “Milva” pratica intensamente solo dall’estate 2020. A un torneo sulla spiaggia sportiva di Ahlbeck, era ancora nel ruolo di spettatrice prima di prendere lei stessa la racchetta. Il beach tennis è un gioco che unisce tennis, beach volley e badminton. La forma più comune di competizione è quella dei doppi.

Con la mazza davanti alla faccia

Il fatto che sia stata in grado di raggiungere le medaglie ai Mondiali con giocatori di esperienza internazionale era evidente sul posto. La comunicazione era in inglese o con le mani. “Sei così concentrato quando suoni che non hai bisogno di molte parole”, dice Kathleen. Dopo ogni punto, i compagni di gioco si riuniscono sulla linea di fondo per discutere la prossima mossa – “con la mazza davanti alla mia faccia, ovviamente, che era nuova per me”.

È così che va ai Mondiali. “Che non avrei potuto vivere senza il supporto del mio datore di lavoro e della mia grande famiglia. I miei ringraziamenti vanno a tutta la squadra tedesca della Coppa del Mondo, in particolare a Mia Webley, che mi ha supportato al mio fianco, così come al mio mental trainer Roman Maaßen, che con la sua scioltezza e il suo umorismo ha tolto la mia eccitazione e il mio nervosismo”.

L’artista dice paura del palcoscenico. Con “Milva” è l’eccitazione che aleggia prima di ogni partita, che si tratti di pallamano o di beach tennis. “Non riesco proprio a toglierlo”, dice il capo della polizia federale, che è venuto alla stazione di polizia di Ahlbeck nel 1998. Lavora in ufficio ed elabora fascicoli investigativi. Ha incontrato il suo compagno “Skippy” mentre lavorava per la polizia federale.

READ  catturato Braga, evita la Real Sociedad e ...

Usa lo sport professionistico per correre. Durante la settimana la donna alta si allena a pallamano, nel fine settimana di solito si trova sulla spiaggia di Heringsdorf. Gli HSVer hanno due reti sotto l’hotel “Villa Neptun”. “Abbiamo giocato tutto l’inverno. A volte dovevi spingere la neve per liberare l’area giochi”.

Bolle sulla sabbia sarda

A proposito di superfici da gioco: la sabbia non è sempre sabbia. In Sardegna, gli attori hanno colpito a piedi nudi una sabbia nera a grana grossa, che era già evidente dopo un giorno. “Avevamo vesciche su tutte le dita dei piedi”. La conseguenza: calzini e, sopra, calzini. “La spiaggia sabbiosa di Usedom è la migliore”, dice Milva, che tra l’altro ha ricevuto un soprannome diverso nel suo lavoro. È chiamata “Inge” dalla polizia federale. Da giovane collega, si è imbattuta nell’abbreviazione “Inge” sul monitor mentre era in servizio. È rimasta in piedi sul tubo finché i suoi colleghi non hanno spiegato che questa è l’abbreviazione di “detenzione”.

Dopo i Mondiali, a novembre si svolgeranno a Barcellona gli Europei. Con Usedom? “Siamo il 90 per cento del tempo”, dice Milva. A proposito, l’originale è morto a Milano alla fine di aprile all’età di 81 anni. “Ora sono solo”, dice Milva o Inge o Kathleen – non importa!

di Henrik Nitzsche

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News