I file Ötzi: come la mummia altoatesina ha mostrato la frontiera – Scienza e tecnologia

I file Ötzi: come la mummia altoatesina ha mostrato la frontiera – Scienza e tecnologia

Mercoledì 2 ottobre 1991, un elicottero del ministero dell’Interno austriaco non è riuscito a volare nei pressi dell’Hauslabjoch nelle Alpi Venoste, a causa “del maltempo e soprattutto a causa del forte vento” cosicché “lavorare sulla misurazione dal sito”. Sul posto c’erano otto persone, esperti austriaci dell’Indagine statale di frontiera, delle dogane e dell’Università di Innsbruck, un direttore della sicurezza del Tirolo, un carabiniere di Silandro e un generale di brigata delle guardie di frontiera italiane. I due periti italiani, Alessandro Campagnolo del Tesoro di Bolzano e “Mr. Braccese” dell’Istituto Geografico Militare di Firenze, non sono giunti in tempo sul luogo prima del buio, perché “a causa del maltempo non hanno potuto raggiungere il Imbarco sull’elicottero Dal versante altoatesino dove poteva volare il sito trovato, “hanno dovuto guidare” in auto sopra il Brennero e Innsbruck fino allo sfiato” fino alla parte posteriore dell’Ötztal per la discussione e la certificazione.

“Ötzi” – adatto ad ogni titolo

Un “protocollo commemorativo” datato 3 ottobre 1991 registra su due pagine il rilievo ufficiale del sito, che ha organizzato l’appartenenza statale della mummia glaciale senza nome, ma il valore che la giornalista Nikki Glatouer giustamente ha chiamato “Otzi”: le parole affettuose si adattano perfettamente con il layout Titolo in piccolo formato.

File e risultati di OtziFile e risultati di Otzi

Il protocollo cruciale comprendente il disegno dettagliato allegato al sito, un modulo dell’Istituto Geografico Militare, Firenze, è stato firmato dall’esperto topografo austriaco Manfred Neubauer dell’Ufficio federale per la misurazione e il rilevamento/Confini di Stato e Alberto Carraccio, presidente del consiglio dei Direttori della Commissione italo-austriaca per il rilievo e la delimitazione dei confini di Stato.

92, 55 d.C. – l’allocazione del paese in centimetri

La localizzazione del ritrovamento è stata “abbastanza difficile a causa delle nevicate dei giorni scorsi”. Ma nei giorni precedenti, il glaciologo Heralt Schneider dell’Università di Innsbruck aveva fotografato dove la mummia del ghiacciaio, che allo stesso tempo è stata portata all’Anatomia di Innsbruck, è apparsa nelle acque gelide due settimane fa. Schneider, un membro del comitato di indagine, un giorno scoprì la faretra di Ötzi nel sito. Grazie alle sue fotografie è stato poi possibile “determinare l’esatta posizione”. E indubbiamente: perché i “topografi italiani” che il giorno prima non avevano avuto accesso al sito, avevano “esaminato e approvato i protocolli di misura stabiliti dalla parte austriaca”: sul tracciato della mappa, il “sito / punto di ritrovamento ” è tra i punti di riferimento sono mostrati b-34, b-35 e b-36. Il protocollo afferma che: “Sulla base dei rilievi risulta evidente che il luogo in cui è stato ritrovato l’uomo di Hauslabjoch era in territorio italiano, a 92,55 metri dal confine di Stato”.

READ  I viticoltori hanno iniziato a raccogliere vino refrigerato

La posizione esatta della mummia del ghiacciaio: Hart on the FrontierLa posizione esatta della mummia del ghiacciaio: Hart on the Frontier

Ma non finì qui – e nei prossimi anni era destinato a prendere le sconosciute svolte politiche che incidono ancora oggi e che interessano non solo la “frontiera del Brennero”.
Poco prima del Natale 1991, dieci uomini si sono seduti insieme al Ministero degli affari economici di Vienna per discutere “questioni sorte” riguardo all’appartenenza territoriale del luogo in cui era stato trovato l'”uomo da casa”. Erano presenti funzionari dei ministeri degli Affari esteri, dell’Interno e dell’Economia, del Servizio costituzionale della Cancelleria federale, dell’Ufficio di normalizzazione e rilevamento, dell’Amministrazione provinciale del Tirolo dell’Alto Adige e anche del sindaco di Sölden in Ötztal, Ernst Schöpf. , era lì.

(Non più) spartiacque glaciale

Perché: durante l’esame e la misurazione del sito sull’Hauslabjoch, è stato notato che la linea di confine tracciata lì nel 1923 (nelle sezioni da 34 a b 36) non corrispondeva al trattato di pace di St. Germain del 1919. Questo identifica la “linea di spartiacque” (tra i bacini dell’Inn e dell’Adige) come il confine del tratto tra la Klopaierspitze presso Resia e la Dreiherrnspitze nel gruppo del Venediger.

definizione di limitedefinizione di limite

Tuttavia, il sito è a nord dello spartiacque. Tuttavia, lo spartiacque qui non fu visibile nel settembre 1923 durante il rilievo geodetico del nuovo confine di stato, perché la zona era ancora molto ghiacciata. Così i funzionari della Commissione intergovernativa di regolamentazione dei confini hanno tracciato una linea retta tra i segni di confine B-35 e B-36, a 550 metri di distanza: “La linea di confine è indicata come la linea retta che collega i due segni di confine”, come nel catasto che è iscritto al 22 settembre 1923.
Lo spartiacque divenne visibile solo nel caldo autunno del 1991, quando Ötzi apparve grazie all’eterno disgelo.

READ  New Horizons osserva da lontano il mezzo interstellare: astronauti

La disputa sul confine sembrava anche politicamente inappropriata

cosa dovrebbe essere fatto? – Così il gruppo di dieci membri ha chiesto il 17 dicembre 1991 al Ministero dell’Economia di Vienna. La demarcazione del 1923 dovrebbe essere contestata? Non c’era nessun accordo legale. Da un lato, le linee tracciate dalla Boundary Regulatory Commission erano vincolanti. D’altra parte, potrebbe esserci stato un “errore fondamentale”, perché queste linee di confine non rispettano i requisiti legali internazionali del Trattato di Saint-Germain. Sì, è intervenuto un funzionario, anche se l’Italia accettasse un nuovo disegno di confine, la linea di confine esistente verrebbe probabilmente applicata per la “valutazione legale dell’appartenenza territoriale del sito”. Alla fine, il Ministero degli Esteri di Vienna (Amministrazione dell’Alto Adige) ha sollevato forti argomentazioni politiche contro la sfida. Il “ridisegnamento dei confini dello stato italo-austriaco” è sembrato “un falso segnale riguardo ai negoziati di autonomia nei confronti dell’Alto Adige”, in quanto “non sarebbe in linea con l’idea di integrazione europea”. Nel 1991, l’Austria era impegnata in intense trattative per l’adesione all’Unione europea. Non c’era nessuna sfida.

Oggi vale: Flussi di confine del Brennero

Ma la controversia di confine sulla scoperta dell’Hauslabjoch ebbe presto conseguenze sorprendenti e durature per l’organizzazione del confine tra Austria e Italia. Nel 1991 i Ministeri degli Esteri di Vienna e di Roma stavano lavorando ad un accordo bilaterale volto a regolamentare la “manutenzione, rilievo e delimitazione” dei confini dello Stato con l’Italia. Nuove misurazioni negli anni ’70 resero necessari chiarimenti.

Ora, secondo i risultati lasciati nel luogo della scoperta di Ötzi, il ‘confine del Brennero’ non è più definito come una struttura statica, ma come una potenziale struttura mobile: ‘Fino al confine di stato … su uno spartiacque o una linea di cresta , segue i graduali cambiamenti naturali di questa linea, come indicato nell’accordo bilaterale. Concretamente: anche “l’erosione” o “cambiamenti nei ghiacciai o nei nevai” cambiano i confini. Nel gennaio 1994, i ministri degli Esteri Alois Mok e Benjamin Andreta hanno firmato il nuovo trattato, entrato in vigore dopo un buon decennio nel 2006 come trattato statale, senza che l’opinione pubblica se ne accorgesse.

READ  Fabio de Massi non è più candidato al Bundestag

(Benedetto Sawyer)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News