I deputati di Italia Viva e Azione vogliono creare una coalizione liberale – Euractiv DE

I partiti liberali italiani non sono riusciti a raggiungere il Parlamento europeo nel 2024. Ecco perché i deputati di Italia Viva e Azioni ora vogliono rilanciare la vecchia alleanza liberale Terzo Polo. Ma le possibilità di successo sono difficili.

La coalizione Terzo Polo mira a unire i due partiti liberali italiani, Italia Viva guidata dall’ex primo ministro Matteo Renzi e Azioni, entrambi parte della fazione Renew Europe, in un’unica lista.

Il progetto si è sciolto nel novembre 2023 e i due partiti hanno gareggiato separatamente alle elezioni europee di giugno. Nessuno dei due partiti ha superato la soglia del 4%, il che significa che il Gruppo Rinnovamento non ha deputati italiani al Parlamento europeo.

Martedì due rappresentanti di Viva e Azione italiana, Luigi Marattin ed Enrico Costa, hanno pubblicato un appello firmato congiuntamente per rilanciare il Terzo Polo.

“La posizione politica è chiara: la disintegrazione del Terzo Polo è stato un tragico errore e dobbiamo ripartire da lì senza fermarci”, ha detto a Euractiv Luigi Marattin, deputato italiano della FIFA.

E ha aggiunto: “Enrico ed io esprimiamo una posizione politica specifica, non legata a nomi o personalità, ma piuttosto ad una prospettiva politica”.

Vorremmo vedere quante persone dentro e fuori Italia Viva e Azioni sono sulla stessa lunghezza d'onda.

Lo scopo di questo appello non è solo inviare un segnale forte all'interno dei partiti, ma anche determinare la reazione del pubblico.

Sulla piattaforma delle petizioni Change.org i rappresentanti raccolgono le firme dei cittadini che credono ancora in un progetto politico basato su “un grande partito riformista liberal-democratico” per “non dover fare i conti con la logica del bipolarismo. ” “.

READ  Pensione in Spagna, Grecia o Italia

Poche settimane prima della convocazione, il segretario di Italia Viva ed ex presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva indicato che in autunno si sarebbe tenuto un nuovo convegno per il “Terzo Polo con un terzo nome al vertice”.

Lo stesso Maratin è tra i nomi considerati alla guida di tale forza politica.

“Quello di ottobre era o è un convegno per Matteo [Renzi] Possibilità di essere annunciato, ma solo per FIFA Italia. “Se ciò accadrà, farò un programma che corrisponda alla richiesta di Costa”, ha detto Maratín.

Al momento non vi è alcuna indicazione da parte di Azioni e del suo presidente Carlo Calenda.

Tuttavia, Euractiv ha appreso da ambienti informati che diversi membri sono attualmente attivi in ​​questo senso. Tuttavia, la chiamata di martedì sembra essere stata solo un “grande gesto cerimoniale di attesa”.

La proposta si concentra “esclusivamente sulle dinamiche interne al partito” ed è “un tentativo vano perché la leadership, soprattutto Kalinda, non sembra pronta ad agire”.

Secondo fonti di Euractive il documento è incompleto perché non affronta le ragioni del fallimento del terzo polo.

“Non dovremmo guardare indietro, questo è certo, ma dovremmo almeno andare avanti e capire come possiamo cambiare la situazione. Anche questo manca nella chiamata”, hanno aggiunto le fonti..

[Bearbeitet von Nick Alipour]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto