“Ho ricevuto minacce di morte”: il capitano dell'Italia guarda in profondità – ICEHL

Il capitano dell'Italia ai Mondiali Thomas Larkin. ©det

Dormire ancora, poi a Bolzano iniziano i Campionati del mondo di hockey su ghiaccio. Il Blue Team sarà poi guidato da Thomas Larkin, una persona che nella sua carriera ha più esperienza di quasi ogni altro giocatore azzurro. Ciò include non solo momenti belli, ma anche momenti bui.

Da:

Tommaso Debelyak

La nostra conversazione con il capitano dell'Italia Thomas Larkin nella graziosa hall dell'Hotel Sheraton dura circa mezz'ora. È un colloquio al termine del quale si capisce chiaramente perché l'italo-americano guiderà la squadra azzurra ai Mondiali da capitano per la seconda volta da domenica. La carriera sportiva, ovvero le esperienze in Nord America, KHL e DEL, sono un aspetto. L'altra è l'aura che emana il 33enne. C'è un vero leader seduto di fronte a noi. Qualcuno che ascolti con entusiasmo quando parla con la sua voce profonda. E qualcuno che ha sperimentato gli alti più alti e i bassi più bassi nella sua carriera e nella sua vita.

Proprio per questo la conversazione con Larkin è ricca di aneddoti interessanti. Il difensore intransigente ha detto, ad esempio, che sua madre è milanese e suo padre è americano, ma è nato a Londra perché suo padre all'epoca lavorava nel settore finanziario lì. All'età di tre anni la famiglia si trasferì a Varese, dove Larkin si innamorò non solo dell'attuale moglie e madre delle sue due figlie, ma anche dell'hockey su ghiaccio.

Larkin guiderà l'Italia al torneo da capitano. ©Valentina Gallina

Larkin dice (nel miglior italiano, sia chiaro) di essere italiano purosangue e molto legato alla sua terra natale. “All’età di 14 anni ho lasciato Varese e sono andato negli Stati Uniti per intraprendere la carriera nell’hockey. Ma durante le vacanze tornavo sempre a Varese e giocavo lì con le giovanili.” Parla del suo sogno in NHL, mancato per poco: “Sono stato scelto dai Columbus Blue Jackets e ho giocato con la squadra NHL, ho fatto anche la preparazione per la stagione. Alla fine, purtroppo, non è bastato per una missione.” E ricorda la sua avventura di due anni nella Continental Hockey League, in breve KHL, in cui “le trasferte duravano spesso due settimane a causa delle enormi distanze .”

READ  Le 30 migliori recensioni di Bottiglia Termica 1L

L'assegno che ha cambiato tutto

Nel corso degli anni Thomas Larkin ha sperimentato anche i lati negativi del suo sport. Nel novembre 2017 – il difensore stava appena giocando la sua prima stagione con l'Adler Mannheim – il suo nome ha dominato per giorni i titoli dei giornali dell'hockey su ghiaccio in Europa. In una partita di Champions League contro il club svedese Brynäs IF, Larkin ha sconfitto il suo avversario Daniel Paille così forte che ha dovuto terminare la sua carriera a causa di un trauma cranico.

“Tutto questo mi ha mostrato quanto sia folle il mondo moderno di Internet.”
Tommaso Larkin

Il direttore sportivo di Brynä ha poi parlato di “tentato omicidio” e lo stesso Paille ha accusato Larkin di gravi lesioni personali. Il caso finì in tribunale, dove alla fine l'italiano fu assolto. “Quello che accadde allora era semplicemente assurdo”, fornisce Larkin intuizioni profonde. “La gente ha visto il video della scena su Twitter e Instagram e mi ha insultato nel peggiore dei modi. Sono stato minacciato di morte, mia moglie è stata minacciata di morte. Commentatori, giornalisti e funzionari svedesi mi hanno portato completamente nell’abisso”.

La corte lo ha assolto

Quattro anni dopo il fallo – periodo in cui anche Larkin dovette cercare aiuto psicologico – il processo si svolse in un tribunale svedese. “Fino ad allora non ne ho mai parlato pubblicamente e l’ho solo tenuto nascosto. Alla fine il tribunale ha confermato la versione che ho sempre sostenuto: si è trattato di un incidente. Tutto questo mi ha mostrato quanto sia folle il mondo moderno di Internet, in cui chiunque può scrivere qualsiasi cosa.

Thomas Larkin è da anni parte integrante degli Azzurri. ©Valentina Gallina/FISG

READ  Ora anche cannoniere: l'inizio da sogno di Filehner - Serie C

Si può dire: questa storia ha lasciato il segno su Larkin. Ma la sua avventura di sei anni a Mannheim non è riuscita a smorzarli, dopo tutto, l'italo-americano si è trasformato in uno dei difensori più solidi della DEL durante quel periodo e ha persino fatto diventare il suo club pazzo di hockey su ghiaccio campione tedesco nel 2019 con un gol ai supplementari . “A Mannheim si è scatenato l’inferno. Abbiamo festeggiato negli spogliatoi fino alle 4 del mattino, poi c'è stata la sfilata dei vincitori. In breve: se diventi campione a Mannheim, sei il re”.

Una posizione notevole

Il fatto che Larkin abbia ormai raggiunto una posizione considerevole lo si è visto anche l'estate scorsa. Quando si è trasferito allo Schwenniger Wild Wings (dove giocano anche gli altoatesini Alex Trivellato e Peter Spornberger), è stato subito eletto capitano della squadra. Larkin indosserà anche la maglia dei Wild Wings il prossimo anno. Ma prima ci sono i Mondiali di Bolzano, che dovrebbero culminare nella promozione. Ciò renderebbe il capitano multiplo particolarmente orgoglioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto