Hamas accetta la proposta di cessate il fuoco

A partire dal: 7 maggio 2024 alle 1:38

Hamas afferma di voler accettare la proposta egiziana-qatariana di cessate il fuoco. Lo ha annunciato l'organizzazione terroristica su Internet. Il primo ministro israeliano Netanyahu ha annunciato ulteriori negoziati.

Hamas ha accettato la proposta egiziana-qatariana di cessate il fuoco nella guerra in Medio Oriente. Il movimento ha scritto sul suo sito web che il capo dell'ufficio politico del movimento, Ismail Haniyeh, ha informato i mediatori che Hamas ha accettato la loro proposta riguardo all'accordo di cessate il fuoco. Ora tocca a Israele.

Questa sera è intervenuto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Ha detto che il progetto di Hamas è lungi dal soddisfare le richieste israeliane. Tuttavia, una delegazione di lavoro verrà inviata per ulteriori discussioni. Martedì è previsto l'arrivo al Cairo anche di una delegazione di mediatori del Qatar per ulteriori negoziati.

Secondo quanto riportato dai media israeliani, il ministro israeliano Itamar Ben Gvir ha considerato l’approvazione islamica di Hamas una “bufala”. Il politico di destra ha detto: “C’è solo una risposta ai trucchi e ai trucchi di Hamas: emettere un ordine immediato per prendere Rafah, aumentare la pressione militare e continuare a tormentare Hamas fino alla sua completa sconfitta”.

In una prima reazione, un insider israeliano ha descritto la bozza come “inaccettabile”. Secondo l'agenzia di stampa Reuters, egli ha parlato di una “proposta attenuata da parte dell'Egitto” alla quale Hamas si riferiva.

Il Consiglio dei ministri approva lo spiegamento di Rafah

Taher al-Nono, un funzionario di Hamas, ha detto a Reuters che la bozza include un cessate il fuoco, la ricostruzione della Striscia di Gaza, il ritorno degli sfollati e un accordo per il rilascio dei prigionieri. Il vicepresidente del Movimento islamico nella Striscia di Gaza, Khalil al-Hajjah, ha parlato di un accordo in tre fasi, ciascuna della durata di 42 giorni.

READ  Coronavirus: 1a immagine - Immagini 3D di veri virus SARS-CoV-2 da campioni - prove

Secondo le sue dichiarazioni, il governo americano starebbe valutando anche l’approvazione da parte di Hamas della proposta del mediatore. “Stiamo attualmente esaminando questa risposta”, ha affermato John Kirby, direttore delle comunicazioni del Consiglio di sicurezza nazionale. “Ne stiamo discutendo con i nostri partner nella regione”. Kirby ha eluso la domanda di un giornalista sull'esatto contenuto della proposta su cui Hamas ha aderito. Ha detto che non se ne sarebbe occupato.

Per Israele, il messaggio di Hamas non è stato inizialmente un motivo per fermare i piani di attacco a Rafah nel sud della Striscia di Gaza. Netanyahu ha detto che Israele continuerà la sua operazione a Rafah. Il Gabinetto di Guerra aveva precedentemente approvato all'unanimità l'operazione militare.

Nelle ore serali, le forze di occupazione israeliane hanno nuovamente attaccato obiettivi a Rafah. Secondo un ospedale locale, cinque persone sono state uccise. Inoltre, diverse persone sono state ricoverate in ospedale dopo gli attacchi israeliani, ha riferito durante la notte l'ospedale kuwaitiano della città. Circoli e testimoni oculari palestinesi hanno riferito che nella zona di Rafah hanno avuto luogo intensi attacchi militari israeliani.

L'evacuazione di Rafah è imminente

Ore prima, Israele aveva chiesto a circa 100.000 palestinesi di iniziare l’evacuazione di Rafah. I residenti interessati dovrebbero recarsi nella zona di Al-Mawasi vicino alla costa. Il portavoce militare Nadav Shoshani ha affermato che la portata degli aiuti ad Al-Mawasi è stata ampliata e che sono disponibili tende, cibo e acqua.

Dopo la notizia dell'accettazione della proposta di cessate il fuoco, la popolazione di Rafah è scesa in piazza per festeggiare. Secondo Israele la città è l'ultima roccaforte di Hamas. Israele punta allo smantellamento dell'organizzazione islamica armata che ha ucciso più di 1.200 israeliani e ne ha rapiti circa 250 in un attacco terroristico con i suoi alleati all'inizio di ottobre.

READ  Stati Uniti d'America: conferma del Primo Segretario alla Difesa nero

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ribadito le sue preoccupazioni sulle conseguenze di un possibile attacco militare a Rafah in una conversazione telefonica con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Gli Stati Uniti, in quanto più stretto alleato di Israele, hanno ripetutamente esortato il governo di Netanyahu ad abbandonare l'offensiva militare per garantire la protezione dei civili nel paese. Più di un milione di civili palestinesi si sono rifugiati nella città.

Martin Durm, ARD Beirut, Tagesschau, 6 maggio 2024, 19:43

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto