Hajj di caldo estremo: centinaia di pellegrini muoiono alla Mecca

In Arabia Saudita, la stagione dell’Hajj si è conclusa martedì, ma alcuni credenti hanno continuato i loro rituali nella calura estiva mercoledì. Persistono temperature estremamente elevate, con conseguenze: il numero delle vittime continua a salire.

Secondo un rapporto dell'agenzia di stampa francese, solo in Egitto sono morte 600 persone. Un diplomatico arabo ha detto: “Tutti i decessi (recentemente confermati) possono anche essere attribuiti al caldo”. Anche Giordania, Iran, Tunisia, Indonesia e Senegal hanno segnalato morti durante la stagione dell'Hajj negli ultimi giorni. Secondo l'Agence France-Presse, i morti in totale sono più di 900.

Misurazione di oltre 51 gradi

L'Hajj è iniziato alla Mecca venerdì sera in un caldo intenso. Secondo il Centro meteorologico saudita, lunedì pomeriggio nella Grande Moschea sono stati misurati 51,8 gradi Celsius e temperature elevate simili sono state registrate in altri luoghi santi della regione.

Le autorità saudite hanno invitato i credenti a indossare ombrelli, evitare di uscire durante le ore particolarmente calde del pranzo e bere una quantità sufficiente di acqua. Sky News ha mostrato uno dei pellegrini che raffreddava le bevande nel frigorifero. Solo domenica, le autorità saudite hanno segnalato 2.700 casi di “esaurimento da calore”.

Ci sono sempre tragedie alla Mecca

Autobus e treni hanno contribuito a portare molti credenti nei luoghi santi. Tuttavia, le grandi folle e il caldo estremo rimangono una sfida per i pellegrini e le forze dell’ordine. Negli ultimi decenni si sono verificate anche diverse grandi tragedie, ciascuna delle quali ha provocato centinaia di morti a causa del sovraffollamento. Secondo l'agenzia di stampa Reuters, gli studi dimostrano che i pellegrini corrono grandi rischi durante lo svolgimento dell'Hajj nella già arida Arabia Saudita a causa dell'aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici.

READ  Politica sull'immigrazione degli Stati Uniti: la svolta di Biden dà speranza agli immigrati

Milioni di pellegrini visitano il sito

Hajj è considerato uno dei cinque pilastri dell'Islam ed è considerato uno dei più grandi raduni religiosi del mondo. Tutti i credenti fisicamente e finanziariamente capaci devono eseguire l'Hajj una volta nella vita. Gli ultimi giorni dell'Hajj coincidono con l'Eid al-Adha islamico, che commemora la prova di fede del profeta Abramo. In questo giorno i credenti sacrificano gli animali per condividere la loro carne con i poveri.

Secondo i dati sauditi, quest'anno all'Hajj hanno partecipato più di 1,83 milioni di credenti. 1,6 milioni di loro sono partiti da 22 paesi.

Con informazioni dell'agenzia di stampa tedesca, dell'Agence France-Presse, della Reuters e dell'Associated Press.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto