Grave deficit neurologico a Kovid: “Il recupero è faticoso, attenzione”

Grave deficit neurologico a Kovid: “Il recupero è faticoso, attenzione”

Gli ospedali di Bergamo non sono dimenticati. I loro medici, infermieri, operatori sanitari e pazienti ricordano vividamente ciò che è accaduto al nostro territorio: la provincia più colpita dal Covid-19 nel territorio nazionale.

Lo staff medico ha vissuto in prima persona una tragedia umana e una salute che non avrebbero mai potuto immaginare, assumendosi una responsabilità paragonabile al resto del mondo di Atlanta. Attivo non solo per la gestione immediata delle emergenze, ma anche per la riabilitazione di chi ha sofferto gravemente del virus, costretto ad affrontare le conseguenze di una malattia che ha gravemente colpito e indebolito l’organismo.

Casa degli angeli un Centro, dipartimento di riabilitazioneOspedale intitolato a Papa Giovanni con Bergamo, eccellenza nel ripristino delle funzioni danneggiate a causa di malattie neurologiche, ha personalmente sentito i disastrosi effetti che il Covid-19 ha inflitto sul ripristino delle funzioni corporee prendendo pazienti dimessi da lunghi mesi in terapia intensiva.

“Abbiamo affrontato molte sfide con la ripresa dell’andatura e la ripresa dello sforzo a causa del prolungato riposo a letto. Ma i più gravi sono i deficit neurologici centrali (come l’ictus) e i deficit neurologici periferici “, dice. Daniele Mazzoleni, un giovane residente di medicina fisica e riabilitativa che ha vissuto un’emergenza con la riabilitazione presso la Casa degli Angeli in prima linea.

“Le prime complicazioni neurologiche possono essere dovute a condizioni ipercoagulabili; il secondo, invece, potrebbe essere dovuto alla posizione prolungata di pronazione in rianimazione e complicazioni (stiamo ancora studiando) dovute al virus ”, spiega.

Lui, insieme a tutto il team del Mozzo Hospital che ha lavorato durante l’emergenza (“sente il cameratismo che ci ha supportato tutti”, dice), non dimentica la fatica fisica e mentale che causa il recupero da Kovid e vuole iniziare il trattamento.

READ  Bollettino sul coronavirus dell'Emilia Romagna, 1763 nuovi positivi, 343 sono a Bologna. Sono stati eseguiti quasi 3.000 test sierologici

“Dopo Kovid in molti casi può fare paura e superarlo per molto tempo: tutte queste conseguenze riabilitative per noi sono state una sorpresa. Tutti quelli che hanno dovuto rimanere a lungo nel reparto di terapia intensiva sono passati da noi e il recupero è durato per mesi “, dice.

E ora si sta preparando per la seconda ondata. “Il reparto è pronto per quello che, purtroppo, dovremo affrontare nella speranza che il bergamasco abbia sofferto meno. Ma fa attenzione. Tutti rispettiamo le regole dell’allontanamento sociale e dell’igiene. Ci rivolgiamo tutti alla nostra grande capacità di resistere: questa tragedia ci ha insegnato quanto sia facile perdere ciò che amiamo, ora non mancheremo la nostra protezione. Manteniamoci in vita per amore: perché tutti abbiamo qualcuno o qualcosa da proteggere ”, conclude Mazzoleni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News