Gli Stati Uniti hanno rimesso Cuba nella lista della politica del terrorismo

Il governo cubano ha fortemente criticato gli Stati Uniti per averlo riportato nella lista del terrorismo statunitense. Lo ha denunciato lunedì (ora locale) su Twitter il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez, definendolo “ipocrita e cinico”.

La mossa degli americani arriva verso la fine del mandato del presidente Donald Trump. “Con questa misura, renderemo nuovamente responsabile il governo cubano e invieremo un chiaro messaggio che il regime di Castro deve porre fine al suo sostegno al terrorismo internazionale e alla penetrazione della magistratura americana”, ha detto il segretario di Stato Mike Pompeo.

Il Dipartimento di Stato ha spiegato che la ragione della classificazione è che la leadership cubana mostra “una serie di comportamenti dannosi nella regione”, in particolare per quanto riguarda il Venezuela. Il governo ha sostenuto il presidente Nicolas Maduro nel mantenere la sua “stretta soffocante” sul suo popolo e ha creato un ambiente “permissivo” per i terroristi internazionali.

Tutto sommato, Pompeo ha sollevato gravi accuse contro la leadership cubana. Per decenni, il governo cubano ha nutrito, ospitato e fornito assistenza medica ad assassini, fabbricanti di bombe e rapitori, mentre molti cubani muoiono di fame, senzatetto e privi di cose essenziali.

L’amministrazione Obama ha rimosso Cuba dalla lista decenni dopo

Oltre a questo, ci sono solo tre paesi nell’elenco del terrorismo degli Stati Uniti: Iran, Siria e Corea del Nord. L’elenco significa che gli aiuti allo sviluppo degli Stati Uniti, le esportazioni di armi e alcune transazioni finanziarie sono limitate ai paesi interessati. Più recentemente, il Sudan è stato rimosso dalla lista a dicembre.

Cuba è stata inserita nella lista dei terroristi nel 1982, in parte perché ha fornito rifugio ai membri dell’organizzazione segreta basca ETA e al gruppo guerrigliero colombiano FARC. Sotto il predecessore di Trump, Barack Obama, gli Stati Uniti hanno migliorato in modo significativo le loro relazioni con Cuba e hanno rimosso il paese dall’indice del terrore nel 2015. Dopo decenni dell’era glaciale, è stato rimosso un importante ostacolo al riavvicinamento diplomatico tra i paesi vicini.

READ  Afghanistan, sempre più attacchi. "Gli Stati Uniti se ne vanno? Allora vinceranno i talebani. Abbiamo bisogno anche della NATO contro il terrorismo".

Sotto Trump, le relazioni tra gli Stati Uniti e Cuba si sono improvvisamente deteriorate di nuovo. Dopo i presunti attacchi audio, Washington ha ritirato la maggior parte del suo personale diplomatico dall’ambasciata dell’Avana. Inoltre, il governo degli Stati Uniti ha ritirato la maggior parte degli aiuti per il blocco economico.

Reinserendo Cuba nella lista del terrorismo alla fine del suo mandato, Trump sta facendo un regalo speciale ai suoi elettori a Miami. I cubani in esilio lì, alcuni dei quali sono fuggiti dal regime all’Avana, hanno ripetutamente chiesto un’azione chiara.

Decisioni importanti prima di un cambio di potere

La mossa del Dipartimento di Stato americano è ampiamente vista come una manovra politica prima del cambio di potere a Washington. Il futuro presidente Joe Biden, che entrerà in carica il 20 gennaio, dovrebbe perseguire politiche più filo-cubane. Ha annunciato che avrebbe ripreso l’approccio di Obama e che avrebbe dovuto concentrarsi su legami più stretti con Cuba.

Nella fase finale del mandato di Trump, il suo governo ha preso diverse importanti decisioni di politica estera. Il governo degli Stati Uniti ha appena messo gli occhi su un alleato iraniano nello Yemen colpito dalla guerra civile: il Segretario di Stato Mike Pompeo ha annunciato domenica notte (ora locale) a Washington che vuole designare i ribelli yemeniti Houthi come organizzazione terroristica. Le agenzie umanitarie hanno avvertito che la mossa avrà implicazioni di vasta portata per le già significative esigenze umanitarie nello Yemen.

In precedenza, Washington ha sorprendentemente riconosciuto la sovranità del Marocco sul Sahara occidentale. Lo scorso fine settimana, un alto diplomatico statunitense ha visitato l’area contesa ai sensi del diritto internazionale.

READ  La casa è un virus, quindi infettare Trump e Melania cambia la corsa alla Casa Bianca

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *