Fuga dal Nagorno-Karabakh: stremati dopo giorni di torture


Reportage

Al: 30 settembre 2023 alle 9:18

Gli ultimi rifugiati del Nagorno-Karabakh dovrebbero arrivare in Armenia questo fine settimana. Quando arrivano, hanno una dura prova alle spalle. E con la disperazione e la tristezza arrivano rabbia e determinazione.

Due donne sulla trentina siedono esauste all’ombra di una tenda in tessuto mimetico. Narin e Jagani sono due giovani imprenditori armeni arrivati ​​volontari al confine con l’Azerbaigian.

Da giorni distribuiscono pane, frutta e bevande a coloro che sono sopravvissuti alla dura prova di due giorni attraverso il Passo Lachin in territorio azerbaigiano in auto, autobus e sul retro dei camion. Le due donne sono due dei circa cento partiti appositamente per prestare soccorso alla prima sosta sul versante armeno.

Naren dice che i suoi nonni provenivano dal Nagorno-Karabakh ma vivevano in Armenia per molto tempo. Dice, piangendo, di essere felice che i due non debbano sperimentare questo allontanamento dalla loro terra natale. Le lacrime scendono anche sulle guance della sua amica. È straziante per loro il fatto che non potranno più andare nel Nagorno-Karabakh per molto tempo.

Il Corridoio Lachin è l’unico collegamento tra il Nagorno-Karabakh e l’Armenia.

Solo chiamata

La sua sagoma montuosa si staglia in mezzo alla nebbia. Una striscia giallo chiaro attraversa le montagne aride di fronte: la Lachin Pass Road. L’Azerbaigian aveva bloccato negli ultimi mesi quest’unico collegamento tra il Nagorno-Karabakh e l’Armenia e tagliato le forniture di elettricità e gas dall’Armenia.

La Croce Rossa Armena presta i primi soccorsi in una tenda di plastica bianca a pochi metri dalle tende dei volontari. Quando le è stato chiesto quanti pazienti avesse curato, un’assistente medica sulla quarantina è esplosa di rabbia. “L’Armenia è il paese cristiano più antico del mondo. Dov’è l’amore di tutte le altre nazioni cristiane? Siamo lasciati soli qui nel secondo genocidio contro noi armeni”, si lamenta, ricordando il genocidio armeno nell’impero ottomano. Nel 1915.

READ  "Putin festeggia": Gli Stati Uniti d'America impediscono la chiusura

Si stima che fino a venerdì arrivassero più di 1.000 persone ogni ora. I funzionari di frontiera azeri ora hanno smesso di controllare i documenti degli arrivi. Molte persone dicono di aver contato le persone nelle auto e di aver aperto brevemente il bagagliaio.

Primo incontro dopo la fuga

Molte auto si fermano sulla strada verso la città più grande, Goris, e i passeggeri riposano dietro gli alberi nei campi vicini. Due giovani si abbracciano e questo è il loro primo incontro dopo la loro veloce fuga.

I rifugiati immagazzinavano ciò che potevano portare con sé in scatole e sui tetti: vestiti, cuscini, coperte e articoli per la casa. Un attrezzo per il fitness è impilato sul tetto di un’auto e la copertura di uno schermo televisivo sporge sopra il finestrino posteriore di un’altra auto.

Le auto sono ammassate al primo distributore di benzina sulla strada per Goris. Inga, 46 anni, si trova a poca distanza, circondata da bambini piccoli e due donne. Viene da Stepanakert, la capitale del Nagorno-Karabakh.

Hanno portato con sé la loro anziana vicina, che non aveva un’auto propria. Ora non sanno tutti dove possono stare. Poteva immaginare di tornare un giorno? Non finché comandano gli azeri, risponde Inga. Ha lavorato come soldato per circa 20 anni.

È fuggita dopo che i soldati hanno sparato a una donna

Le persone in macchina sono stanche, stressate e guidate da preoccupazioni esistenziali. Ad esempio, non sanno se potranno accedere ai loro depositi presso la banca del Nagorno-Karabakh. Il governo armeno offre ora agli sfollati un credito equivalente a circa 250 euro a persona, oltre a un contratto di telefonia cellulare gratuito e trasporti pubblici gratuiti per sei mesi.

READ  L'Unione europea ha imposto sanzioni contro 40 politici e funzionari bielorussi

Ma devi registrarti per questo; Puoi farlo a Goris. Molte macchine si rompono durante il tragitto. Sergek, 69 anni, cerca un pezzo di ricambio. Viene dal villaggio di Martuni nel Nagorno-Karabakh. Sono fuggiti solo con i loro documenti e alcune foto dopo che i soldati azeri hanno sparato a una donna.

Sulla strada per Stepanakert, sono stati fermati e interrogati dai giornalisti azeri. Sostenevano che avremmo potuto vivere pacificamente insieme. Seryshek scoppia in lacrime. Sì, ha studiato a Baku durante l’era sovietica e ha incontrato i suoi amici studenti a Mosca decenni dopo. Ma è finita.

I residenti del Nagorno-Karabakh arrivano a Goris e vengono inizialmente accuditi.

Aiuto per i rifugiati

Le auto degli espatriati sono ammucchiate attorno alla piazza centrale di Goris. La Croce Rossa e il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite hanno allestito delle tende. Vecchi seduti tra i loro bagagli con indifferenza e sguardi vuoti. Nel mezzo, i bambini giocano a palla e i loro genitori parlano al telefono.

Molti residenti a Goris e altrove offrono assistenza. La commessa del negozio di tessuti dice che forniscono vestiti per bambini. Inoltre non riesce a trattenere le lacrime di fronte alla tragedia. Il ristoratore se ne va perché le lacrime gli tolgono la voce.

Questo fine settimana è previsto l’arrivo degli ultimi profughi dal Nagorno-Karabakh. Le Nazioni Unite prevedono che il numero raggiunga poi i 120.000.

Sulla strada per Yerevan

Molti rifugiati si dirigono in serata anche verso la capitale Erevan. Al buio, gli automobilisti stanchi e stressati si sorpassano in manovre affrettate e gli incidenti si verificano più volte. Una famiglia continua a guidare nonostante un’ammaccatura e il finestrino della portiera del conducente rotto.

Molti di loro ora rimarranno presso i parenti per qualche tempo. Ma a lungo termine hanno bisogno di casa e lavoro. La maggior parte degli armeni nel Nagorno-Karabakh lavorava come agricoltori, con un piccolo numero di persone che lavoravano nel settore dei servizi. In Armenia c’è bisogno di lavoratori, ma i rifugiati devono essere qualificati per farlo.

READ  USA: Trump vince le primarie negli stati del Missouri, Michigan e Idaho

Anoush, 13 anni, sa cosa vuole diventare: un medico. Dice che è così da poter aiutare nella prossima guerra quando gli armeni riconquisteranno il Nagorno-Karabakh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto