fratelli indagati da anni ma mai arrestati

Combattimenti, percosse, armi e, soprattutto, droga. L’arresto per il Fratelli Bianchi è stato “nella botte” per un po ‘ma non è mai decollato, rinviato per ulteriori indagini, rinviato a data successiva. Se è vero che molti non hanno denunciato, per paura, le percosse e gli abusi subiti dal cosiddetto “gruppo Artena”, si tratta della banda costituita. Gabriele e Marco bianchi, ora in prigione per l’omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte con Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, nel caso di chi ha avuto il coraggio di farlo o per gli episodi sanguinosi per i quali è stata sporta d’ufficio la denuncia, le richieste di assicurarli in carcere non hanno avuto successo. Bloccato dalle richieste di ulteriori indagini che finirono per estendersi oltre la morte di Willy.

Bianchi con reddito di cittadinanza ma ricchi sui social: raccolti illegalmente 33mila euro

Fratelli bianchi incorniciati da una foto: in un’auto nera con due donne dopo il pestaggio

IL BRANCO

Insomma, la “mandria” avrebbe potuto essere fermata prima che si lanciasse a calci e pugni contro il giovane cuoco di origine capoverdiana, indifeso, al punto da ucciderlo. Anche perché altri giovani, picchiati a morte, avevano rischiato la stessa fine con feriti gravi. Uno scenario tragico che si era ripetuto almeno tre o quattro volte davanti ad altri locali notturni e bar dei Castelli Romani. In un caso, il pestaggio di un 25enne di Lanuvio, colpito anche lui con un tirapugni, finito in ospedale con prognosi di un mese, è già stato chiamato a rispondere in un’aula di tribunale, ma l’udienza è stata rinviata per Covid. Il loro pericolo e la loro violenza erano ben noti. Invece, è solo ora che Willy non c’è più, quegli stessi casi ancora alla procura di Velletri potrebbero ricevere un’improvvisa accelerazione ed esporre incursioni e accuse di commercio illecito da parte di bianchi il cui scopo azione, tra il 2018 e l’anno 2019 si è concentrata principalmente tra Lariano e Velletri.

READ  Covid, al nuovo Dpcm: Hope chiama urgentemente Cts. "Valuteremo altre restrizioni"

CASI CRIMINALI

Una causa penale che avrebbe motivato l’elevato tenore di vita mostrato dai bianchi nonostante le difficoltà di sussistenza dichiarate dal loro capofamiglia, Ruggero, il padre, che aveva chiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza. Un vantaggio percepito “indebitamente” secondo la Guardia di Finanza de Colleferro che, a seguito di accertamenti, ha inviato all’INPS denuncia di licenziamento e denuncia per reati tributari. Sia le famiglie Bianchi che quelle di Pincarelli e Belleggia, che ne beneficiano, hanno “omesso di indicare i dati richiesti nelle autocertificazioni compilate, creando così le condizioni per l’accesso al servizio”. In totale dovranno rimborsare i circa 30mila euro (28.747) finora incassati. Gli occhi degli investigatori sono sui bianchi da almeno due anni. Perché sin da piccoli i fratelli, insieme o separatamente, si erano distinti come delinquenti, protagonisti di scontri più simili a spedizioni punitive che a risse. Ci sono episodi che si distinguono dagli altri, come quello accaduto un’estate nel cuore di Velletri. È sempre buio, come nel caso di Willy, ei bianchi sono sempre vicini a uno dei club più frequentati per la vita notturna.

STILE CASAMONICA

Una parola di troppo, non sappiamo cosa accende la miccia, ma in pochi minuti un giovane rumeno viene picchiato a morte, trascinato in un vicolo tra piazza Garibaldi e Corso della Repubblica e abbandonato. Ha una mandibola in frantumi, un trauma cranico, più contusioni da colpi ben mirati che solo gli esperti di boxe e arti marziali sanno dare, la sua prognosi è gravissima, circa sessanta giorni, due mesi. Potrebbe morire anche lui. Non solo i Bianchi, esperti di MMA, arti marziali miste, si identificano tra i partecipanti a un combattimento tra italiani e popoli d’Oriente, rumeni e albanesi, davanti a una discoteca sull’Appia meridionale, sempre a Velletri. Dapprima fuggono, poi vengono ritrovati. La lista delle percosse è lunga, a maggio 2018 Marco include anche una denuncia per droga. Si sospetta che anche loro abbiano trovato un ruolo nel traffico di droga che arriva da Roma, diviso tra spacciatori locali e bande albanesi. Negli ultimi due anni i Bianchi hanno dominato e guadagnato potere e “rispetto” in vero stile Casamonica: mesi fa si sono rivolti a un meccanico, gli hanno chiesto di apportare modifiche al loro SUV, per renderlo più potente. Lui fa il lavoro, loro pagano ma poi, dopo pochi giorni, tornano: “Non siamo soddisfatti” e l’artigiano è obbligato a rimborsare la somma. Nel frattempo, la famiglia sta aprendo locali e negozi, allestendo una villa hollywoodiana con telecamere, palme e statue di leoni, e raccogliendo anche i proventi della cittadinanza. Ma la prigione non arriva, nessun giudice istruttore firmato prima della morte di Willy. Ultimo aggiornamento: 18 settembre, 12:09


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Mark Card viene assolto in appello per furto in Rinascente

More from Agapeto Napolitano

TOP NEWS 24 ore – La Juve ripensa Chiesa. Supercoppa al Bayern, Milan in vantaggio in EL

Le voci dei protagonisti, esclusive di mercato e tanto altro su TMW:...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *