Fiera del Libro di Francoforte, ospite problematico Italia: Restare a casa

Battaglia culturale per la presenza dell'Italia alla Fiera del Libro di Francoforte in autunno. I critici di destra come Roberto Saviano non dovrebbero essere invitati.

Oh, Napoli può essere così bella. Murale a sinistra: il volto di Angela Davis. Murale a destra: Il volto di Pier Paolo Pasolini Foto: Tanya/Contrasto/LEV

Recentemente, lo scrittore italiano Roberto Saviano si è trovato ancora una volta al centro delle polemiche. Il famoso critico mafioso e autore di Gomorra vive da 18 anni sotto la protezione della polizia. È minacciato dalla mafia nel suo paese, ma viene anche regolarmente insultato dalla destra politica.

L'attuale premier Giorgia Meloni lo ha portato in tribunale con l'accusa di diffamazione. In un programma televisivo nel 2020, Saviano ha criticato la narrativa sull’immigrazione scritta da Meloni e Salvini e ha definito entrambi “mascalzoni”.

Questa volta si trattava della sua partecipazione alla prossima Fiera del Libro di Francoforte, dove si prevede che l'Italia sarà il paese ospite. Il rappresentante speciale Mauro Mazza, responsabile del programma del Salone del libro proposto da Fratelli d'Italia della Meloni, ha annunciato che Saviano, uno degli autori di maggior successo del momento, non era tra il centinaio di scrittori invitati. Vogliono dare più spazio ad altre voci provenienti dall'Italia le cui opere sono considerate più “autentiche”.

Roberto Saviano deve affrontare da tempo campagne e accuse di plagio. Qualche anno fa lo scrittore dovette pagare 6.000 euro perché nel suo libro “Gomorra” non avrebbe citato correttamente alcuni articoli di giornale. Da allora la vicenda è diventata un falso pretesto per moderare le critiche di Saviano ai partiti di governo.

Confronto con la Meloni

Dopotutto Saviano, divenuto famoso in tutto il mondo come autore antimafia, è uno degli autori italiani più esposti politicamente a sinistra. Interviene regolarmente su temi come l'immigrazione e i diritti umani, e non si sottrae al confronto con il governo Meloni.

READ  Le 30 migliori recensioni di Sedia Shabby Chic

In risposta al mancato invito di Saviano molti autori italiani gli hanno espresso la loro solidarietà. Sandro Veronesi, ad esempio, ha parlato di “motivi stupidi e ridicoli” per non tenerne conto.

Paolo Giordano si è chiesto: “Come si può pensare di non essere invitati in una delegazione italiana?” Nicola Lagioia, ex direttore della Fiera del Libro di Torino, ha detto che autori come Saviano “non sono stati invitati fuori dalla fiera”. “Vendetta del governo”.

Il rapporto tra governo e intellettuali non è necessariamente romantico, anzi. Ma in Italia il dibattito si è trasformato da tempo in una sorta di campagna contro le posizioni critiche. Alle voci critiche viene impedito di apparire in televisione e in altri importanti eventi pubblici.

Paolo Giordano

“Come hai potuto anche solo pensare di non invitare Saviano?”

Il monologo è stato cancellato

Questo è anche il caso di Antonio Scurati. Lo scrittore avrebbe dovuto tenere un monologo alla televisione nazionale il 25 aprile, annuale “Giornata di liberazione” dal nazifascismo, in cui avrebbe voluto celebrare l'antifascismo e criticare il primo ministro Meloni per non essersi mai allontanato dal fascismo di Mussolini. Ma il monologo di Scurati venne improvvisamente cancellato. Il motivo ufficiale: sarebbe stato troppo costoso.

In campagna elettorale in vista delle elezioni parlamentari del 2022, Giorgia Meloni ha parlato di “egemonia culturale” della sinistra a cui ha voluto opporsi. E finora è stata persistente nel farlo. Mentre Silvio Berlusconi ha spesso deriso la cultura, i post-fascisti la vedono come un’area importante per costruire narrazioni e ottenere uno spostamento del consenso.

Posizioni importanti vengono costantemente ricoperte dalle persone della Meloni. Questo vale per la televisione di Stato Rai, la più grande azienda culturale del Paese, le cui posizioni apicali vengono comunque nominate e scambiate da ogni governo, ma anche per musei e teatri.

READ  Partecipazione a 20, referendum ed elezioni regionali: alle 23 quasi il 40% degli aventi diritto. In Veneto il 46% alle urne, in Campania 38

Ma c’è un altro grosso problema. Sulla scena politica persiste un atteggiamento contrario agli intellettuali critici. Il chiaro squilibrio di potere diventa chiaro. I politici di alto rango hanno un partito, reti influenti e canali di comunicazione. Gli autori hanno alle spalle solo editori e lettori. Ma anche se sono tanti, sono pur sempre solo lettori.

Un clima di intolleranza

Roberto Saviano, come Michela Murgia, morta nel 2023, è stato più volte bersaglio di campagne diffamatorie da parte dei media di destra. Altri hanno denunciato un clima di intimidazione e intolleranza. “Il governo italiano disprezza la cultura e i suoi scrittori”, dice Nicola Lagioia.

Ma torniamo a Francoforte. Anche la nomina del rappresentante speciale Mauro Mazza per la Fiera del libro ha più a che fare con intrecci politici che con la sua conoscenza della letteratura italiana contemporanea. Mazza (nato nel 1955) è un giornalista che ha iniziato la sua carriera nel L'Italia del secolo Ho iniziato. Questo era in passato il giornale del partito neofascista Movimento Sociale Italiano.

Passa poi alla televisione di Stato e viene nominato direttore del telegiornale TG2 e RAI 1 durante il secondo e quarto governo di destra Berlusconi. Quando venne criticato per il caso Saviano, abdicò alla responsabilità.

La colpa è degli editori italiani, che non hanno inserito Saviano nella lista dei suggerimenti. Una farsa immeritata. In ogni caso il compito del Commissario è quello di coordinare, completare e approvare il programma della fiera del libro. Dopo lo scandalo Mazza cercò di salvare il salvabile. Dopotutto ha invitato Saviano. Col senno di poi, l'autore ora rifiuta.

C'è un ruggito in sottofondo

Mauro Mazza è già il secondo responsabile della delegazione italiana al salone del libro. Un anno fa, il capo della casa editrice italiana, Riccardo Franco Levi, nominato da Mario Draghi, mantenne l'incarico prima di dimettersi. Il contesto era un conflitto di interessi (aveva incaricato l'agenzia di suo figlio di svolgere un lavoro di comunicazione per la fiera del libro), ma anche una “mancanza di sostegno”.

READ  Le 30 migliori recensioni di Appendi Asciugamani Bagno

Il fisico e scrittore Carlo Rovelli avrebbe dovuto rappresentare l'Italia alla cerimonia di apertura a Francoforte. Ma ha poi criticato le spedizioni di armi all’Ucraina durante un importante evento musicale. Non devi condividere le sue opinioni. Ma forse più importante è stato il suo riferimento agli stretti legami tra il ministro della Difesa Guido Crosetto (del partito Fratelli d'Italia della Meloni) con le aziende della difesa italiane. Poco tempo dopo il carico di Rovelli fu scaricato.

Il commissario Levy, lui stesso dello schieramento di centrosinistra, ha affermato di averlo fatto senza pressioni e per “prudenza istituzionale”. Alla fine, Levy fu costretto a dimettersi dalla sua posizione. Da allora Rovelli è stato nuovamente invitato.

Dei tanti scrittori presenti a Francoforte, molti sarebbero ancora critici nei confronti del governo di Roma. Anche se non sono così esposti e impegnati come Roberto Saviano. Per Lagioia questo è legato anche al fatto che molti artisti sono stati attaccati dal governo in patria. Ma il governo fa affidamento su loro all’estero per sviluppare un programma.

Quanto a Roberto Saviano: certo che sarà lì in autunno. Su invito della ZDF, della Buchmesse e del suo editore tedesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto