ESA, fibra naturale al posto del carbonio per i nuovi satelliti

Fibre naturali come lino, che un tempo erano usati dagli egizi per vestire le mummie dei faraoni o erano indossati dagli aristocratici romani, trovavano anche il loro scopo nel campo spaziale. Ecco cosa segue dal progetto Struttura in biocomposito nello spazio, diAgenzia spaziale europea (Esa), in collaborazione con le società svizzere Bcomp e Ruag.

Fibre vegetali di lino quando vengono inserite all’interno dei pannelli satellite invece di fibra di carbonio, possono aiutare a smaltire i satelliti durante il ritorno nell’atmosfera, come farebbe brucia più velocemente satellite eseguendo questo processo più sicuro.

I test condotti dall’ESA su questo composito di fibre naturali hanno aiutato gli esperti a trovare altre applicazioni sul terreno, come nelle vetture McLaren Racing di Formula 1.

Ci sono due ragioni che hanno spinto il team ESA a continuare questo progetto. Primo per ridurre l’impatto ambientale produzione spaziale, uno dei compiti iniziativa principale Spazio pulito agenzia. Secondo l’analisi, le fibre di lino potrebbero ridurre le emissioni di carbonio fino al 75% rispetto alle stesse parti in fibra di carbonio.

Inoltre, sempre nel link a Spazio pulito e i requisiti della politica europea di mitigazione dei detriti spaziali, gli esperti hanno trovato nelle fibre di lino un materiale che può bruciare non solo più velocemente ma completamente durante il ritorno in atmosfera.

Attraverso test condotti su una versione di prova del pannello satellitare Watchman-1 Nel programma europeo Copernicus, il team ha scoperto che le fibre di lino hanno un’espansione termica eccezionalmente bassa – che è buona in termini di temperature orbitali estreme – e alte rigidità specifica e durata che può essere mantenuta temperatura criogeniche“, Spiega Hugo Lafont, specialista in materiali e processi dall’est. “Sono anche in grado di smorzare bene le vibrazioni, resistereesposizione alle radiazioni ultraviolette e prevenire i segnali radio ”.

READ  La prima foto del buco nero mette in un angolo la teoria della relatività di Einstein

Written By
More from Rocco Miniati

RISCALDAMENTO GLOBALE? È diventato un fenomeno mediatico solo dal 1988!

L’estate del 1988 negli Stati Uniti è diventata il trampolino di lancio...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *