Ecco come la vitamina D e il magnesio lavorano insieme


Assumere vitamina D e magnesio è importante per la salute. Ma a cosa dovresti prestare attenzione? Lavorano entrambi insieme?

Esistono diversi modi per fare qualcosa per la tua salute. Ad esempio, attività sportive, alimentazione consapevole, sonno adeguato e periodi di recupero. Uno studio statunitense ha recentemente rivelato otto fattori che si ritiene aiutino le persone a vivere più a lungo.

Ma quali sono gli effetti dell’assunzione di integratori alimentari? Questo testo affronta specificamente la vitamina D, che si dice aumenti le possibilità di sopravvivenza in caso di cancro, e il magnesio. Puoi scoprire come i due lavorano insieme alla fine dell’articolo.

Vitamina D: cosa c’è dietro?

Lo riferisce il Ministero federale della sanità Lui vitamina D” è il nome collettivo dei calciferoli, un gruppo di solidi solubili Vitamine“Quando esposto alla luce solare, il corpo umano produce vitamina D. La si trova anche in alimenti come pesci grassi e frattaglie, uova, funghi commestibili e olio di fegato di merluzzo, ma solo in piccole quantità.

Istituto Robert Koch (RKI) elenca la vitamina D2 (ergocalciferolo) e la vitamina D3 (colecalciferolo) come le forme più importanti. Fondamentalmente, la vitamina D è coinvolta nel metabolismo osseo. Tra le altre cose, favorisce “l’assorbimento del calcio e del fosfato dall’intestino e la loro incorporazione nelle ossa”. Si dice anche che svolga un “ruolo chiave nella mineralizzazione delle ossa”.

Secondo l’RKI, la vitamina D svolge un ruolo anche in “altri processi metabolici, nella formazione delle proteine ​​e nel controllo di un gran numero di geni”. Dall’80 al 90 per cento della vitamina viene prodotta dal corpo stesso nella pelle. Poiché ciò è causato dalla luce solare, è necessario rimanere all’aperto. Il restante 10-20% proviene dalla dieta. A proposito: una carenza può portare a uno stato d’animo depressivo.

READ  Podcast Spectrum: The Infiniti Hierarchy

Magnesio: cosa c’è dietro?

Il Ministero federale della sanità fornisce informazioni al riguardoIl magnesio è “importante per il metabolismo di muscoli, nervi e ossa”. A differenza della vitamina D, il corpo non può produrre il magnesio da solo, motivo per cui deve essere assunto attraverso il cibo. Le donne incinte e che allattano, gli atleti e le persone con determinate malattie preesistenti hanno un bisogno maggiore.

Leggi anche questo

Il magnesio secondo Pete Karl Lauterbach (SPD) “Contiene molti alimenti vegetali”. Quantità maggiori si trovano “nella frutta secca, nei semi oleosi, nelle verdure verdi, nei legumi e nei cereali integrali”.

Vitamina D: come si manifesta la carenza e quali sono i suoi effetti?

Soprattutto nelle regioni settentrionali nei mesi invernali manca la luce solare per poter assorbire abbastanza vitamina D. In questo caso, l’RKI afferma che “è necessaria la radiazione UV-B con una lunghezza d’onda da 290 nm a 315 nm” e che ciò “si verifica tutto l’anno solo nelle aree al di sotto di 35 di latitudine”.

In Germania “l’educazione corporea è possibile solo da marzo a ottobre quando si trascorre del tempo all’aria aperta”. Inoltre, “la radiazione UV può essere ridotta di oltre il 90% anche nei mesi estivi a causa di condizioni meteorologiche sfavorevoli, ad esempio in caso di forte nuvolosità”.

I fattori includono “l’età, il colore della pelle, il peso corporeo nonché le influenze dello stile di vita moderno”. Secondo l’RKI, la carenza di vitamina D può anche portare a “malattie croniche gastrointestinali, epatiche o renali”. Anche i farmaci come gli antiepilettici o i depressori della vescica possono compromettere il metabolismo della vitamina D.

Secondo il Ministero Federale della Sanità, i seguenti sintomi potrebbero indicare una carenza di vitamina D:

  • Dolore osseo
  • Deformità ossee, in particolare delle costole, delle gambe e della colonna vertebrale
  • Ossa frantumate
  • Gonfiore alla giunzione tra cartilagine e osso
  • Lubrificare la parte posteriore della testa
  • Chiusura ritardata della fontanella nei bambini piccoli
  • Debolezza muscolare
  • Suscettibilità alle infezioni
READ  Il rover ExoMars si unisce alla piattaforma

Video: sabato 1

Magnesio: come avviene la sua carenza e quali sono i suoi effetti?

La carenza di magnesio può verificarsi “a causa di una dieta squilibrata o di una malattia renale”, scrive il Ministero federale della sanità. Anche una grave diarrea può essere un fattore scatenante perché anche in questo caso esiste il rischio di non assorbire abbastanza magnesio o di espellerne troppo.

Il corpo umano dispone di meccanismi che gli impediscono di espellere troppo magnesio. Tuttavia, a causa di un difetto genetico, questo meccanismo di regolazione non funziona correttamente in un numero molto limitato di persone, “ad esempio nella sindrome di Gitelman – una rara malattia renale genetica”.

Inoltre, l’equilibrio del magnesio può essere influenzato negativamente anche da malattie come il diabete, la pancreatite, malattie intestinali croniche come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, o malattie della tiroide come le ghiandole paratiroidi ipoattive.

Preparati a base di magnesio: anche in questo caso occorre prestare attenzione al dosaggio.

Fotografia: Jörg Carstensen, DPA (immagine simbolica)

Secondo il Ministero Federale della Sanità la carenza di magnesio può essere dovuta anche ad un elevato consumo di alcol. Esiste anche un aumento del fabbisogno a causa di stress, esercizio fisico o gravidanza.

READ  Cattolicesimo: il papa che inventò l'infallibilità

I sintomi spesso compaiono solo quando la carenza è grave. Inoltre i sintomi non sono sempre chiari e possono essere interpretati anche come “segni di altre malattie”. Piet Lauterbach elenca i seguenti sintomi:

  • Crampi muscolari, formicolio o intorpidimento alle braccia e alle gambe
  • Ipotermia e frequenti congelamenti
  • mal di testa
  • Il cuore batte forte
  • Aritmia
  • Problemi del sistema digestivo

Vitamina D e magnesio: come funzionano insieme?

Come ha riferito su richiesta la Società tedesca di nutrizione (DGE), la vitamina D supporta principalmente l’assorbimento del magnesio nell’intestino. È anche vero che un livello adeguato di vitamina D può migliorare l’assorbimento del magnesio. Si sottolinea però che: “A nostro avviso questo non è un motivo per assumere senza riserve integratori alimentari contenenti questi nutrienti”.

L’importanza della vitamina D per l’omeostasi del magnesio (equilibrio nel corpo) non è chiara. Alcuni studi indicano che mangiarlo esternamente, cioè dall’esterno, aumenta il tasso di assorbimento del magnesio. Inoltre, l’assunzione di vitamina D sembra essere associata ad un aumento dell’escrezione (attraverso i reni). Pertanto non si può dire con certezza se l’equilibrio del magnesio sia influenzato positivamente.

C’è un avvertimento contro l’assunzione eccessiva di vitamina D e magnesio attraverso gli integratori alimentari. Se i valori di riferimento vengono superati, ciò potrebbe avere effetti negativi. Per la vitamina D, il fabbisogno giornaliero è di 20 microgrammi al giorno. Per quanto riguarda il magnesio il valore di riferimento aumenta Con l’aumentare dell’età: da 24 milligrammi al giorno nei primi quattro mesi a 80 milligrammi al giorno fino all’anno di età, dai 10 anni in poi con differenze per ragazze e ragazzi, dai 19 anni in poi, infine 350 milligrammi al giorno per gli uomini e 300 mg al giorno. Milligrammi per le donne.

Secondo la DGE, anche i farmaci o le malattie possono influenzare l’interazione tra vitamina D e magnesio, anche se si consiglia di rivolgersi a un nutrizionista. Si sottolinea che in genere è necessario evitare l’assunzione contemporanea di farmaci e integratori alimentari. Dovrà essere mantenuta una distanza di sicurezza di almeno una o due ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto