È così che è andato il dibattito tra Lewis Hamilton ei commissari della FIA

È così che è andato il dibattito tra Lewis Hamilton ei commissari della FIA

C’è stata un’insolita infrazione alle regole nel Gran Premio d’Italia 2020: Lewis Hamilton è entrato in pit lane anche se il semaforo all’ingresso era rosso. Il pilota della Mercedes ha ricevuto una penalità stop-and-go per questo.

Durante l’interruzione della gara, è andato dai commissari FIA per discutere la sua punizione. Garry Connelly era uno dei quattro Commissari presenti in Italia e ora descrive come si è svolto il dibattito con Hamilton.

“Lewis Hamilton è entrato in pit lane”, ricorda Connelly in una conferenza virtuale dei commissari la scorsa settimana. Dopo che i commissari FIA avevano stabilito che la corsia box era già chiusa in quel momento, hanno fatto riferimento al regolamento pertinente.

“Non avevamo altra scelta e questo è qualcosa che alla maggior parte di noi non piace, non ci piace la coercizione”, ha detto. Quasi tutti i commissari di Formula 1 sono di questa opinione, aggiunge Connelly. Tuttavia, queste sanzioni esistono principalmente “su richiesta delle squadre”.

“Ragazzi, potete dirmi perché sono stato punito?”

Come si è verificato il reato? Hamilton era in testa a Monza quando Kevin Magnussen ha fatto rotolare la sua Haas tra la Parabolica e l’ingresso della pit lane. Questo ha mandato in pista la safety car. La Mercedes voleva sfruttare lo slancio e ha messo ai box Hamilton.

Ma né il campione del mondo né la sua squadra si sono resi conto a quel punto che la pit lane era già chiusa. Hamilton era in ritardo di dodici secondi secondo il verdetto. Secondo il regolamento, il reato grave è stato automaticamente seguito da una penalità stop and go.

READ  "Vogliamo che la nostra gioventù sia forte"

Hamilton inizialmente non era d’accordo con questa punizione. Nella successiva interruzione della gara a causa dell’incidente di Charles Leclerc, il britannico non si è arreso e ha marciato verso i commissari. Connelly ora sottolinea di essere stato felice di parlarne personalmente con Hamilton.

“Durante la pausa della gara, Lewis è saltato sul suo scooter, ha guidato lungo la corsia dei box e ci ha fatto visita. È stato estremamente gentile e ha semplicemente chiesto: ‘Ragazzi, potete dirmi perché sono stato punito?'”

I quattro commissari FIA che hanno deciso i rigori in quella gara hanno accettato volentieri questo invito. “Abbiamo detto:” Sì, certo. Sei entrato nella corsia dei box quando era già chiusa. “” Poi Hamilton ha voluto vedere le prove.

“Gli abbiamo mostrato il video replay dalla sua telecamera di bordo. Si vede prima la spia sul primo display e poi sul secondo display. E poi ha detto: ‘Okay, lo accetto’.”

Connelly vuole una migliore comunicazione delle punizioni

Tuttavia, il leader si è chiesto perché i commissari dovessero dare una punizione così severa per questo. Poi Connelly e gli altri tre commissari di quel fine settimana (Tom Kristensen, Mathieu Remmerie e Paolo Longoni) hanno spiegato la logica che c’è dietro.

“Purtroppo è un rigore obbligatorio. Non abbiamo avuto altra scelta che infliggerlo. E sebbene non fosse particolarmente soddisfatto, Lewis ha accettato il rigore ed è stato estremamente amichevole. Dopodiché, è uscito dalla stanza ed è tornato indietro [zu seinem Wagen]. “

Nello specifico, il conducente della Mercedes ha violato l’articolo 28.14. La formulazione del paragrafo: “In casi eccezionali il direttore di gara può richiedere la chiusura dell’ingresso ai box durante la gara per motivi di sicurezza. […] Una penalità ai sensi dell’articolo 38.3 (d) sarà inflitta a qualsiasi pilota che, a parere dei Commissari Sportivi, sia entrato nella corsia box per qualsiasi altro motivo mentre era chiusa. “

READ  Mario Balotelli perde cinque chili dopo una dieta drastica

La penalità di dieci secondi stop-and-go è fissata nell’Articolo 38.3 (d). “Senza dubbio in seguito ha parlato alla sua squadra del motivo per cui non lo avevano avvertito via radio. Ma penso che questo sia un perfetto esempio di come la decisione, per quanto dolorosa, sia stata accettata da Lewis e dalla sua squadra”.

La conclusione di Connelly, quindi, è: “Quindi mostra che se puoi spiegare qualcosa, puoi prendere una decisione difficile accettabile per coloro a cui si applica e per il pubblico in generale”.

La giustificazione della FIA per la penalità di Hamilton nella formulazione: “I commissari hanno guardato le prove video e hanno scoperto che la corsia dei box era chiusa alle 15:41:47. […] Le luci “corsia box chiusa” venivano visualizzate simultaneamente sui pannelli luminosi 16 e 17. L’auto 44 è entrata nella corsia dei box alle 15:41:59. Riteniamo che ciò si traduca in una sanzione obbligatoria secondo i regolamenti sportivi “.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News