Dubai: la principessa Latifa dovrebbe essere curata a casa

Dubai: la principessa Latifa dovrebbe essere curata a casa

Dopo aver rilasciato Le chiamate di aiuto venivano registrate segretamente su video Figlia di Amir Dubai La famiglia al potere ha ora parlato da sola: venerdì, la famiglia ha detto in una lettera dell’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti negli Emirati Arabi Uniti che Sheikha Latifa sarebbe stata “curata” a casa sua. Londra Opinione pubblicata. I resoconti dei media non “rifletteranno la situazione reale”. L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) aveva precedentemente richiesto un segno di vita alla principessa che sarebbe stata detenuta a Dubai.

E la famiglia regnante ha aggiunto: “La tua famiglia ha confermato che Sua Altezza riceve cure a casa con il supporto della sua famiglia e di esperti medici”. Latifa non è stata vista in pubblico da quando ha cercato di scappare nel 2018. Dice che è detenuta in una villa a Dubai. Emittente britannica BBC Questa settimana ho pubblicato una videochiamata per chiedere aiuto da parte del 35enne. Le foto sono state fornite dagli amici della principessa.

“Abbiamo parlato ieri alla missione permanente (degli Emirati) Ginevra Venerdì una portavoce dell’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani, Liz Throssell, ha detto ai giornalisti: “Abbiamo chiesto maggiori informazioni e chiarimenti sulla situazione attuale di Sheikha Latifa”.

L’Ufficio per i diritti umani ha informato l’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti della sua “preoccupazione” per il “materiale video inquietante”. L’ufficio delle Nazioni Unite non ha soddisfatto le aspettative di gruppi per i diritti umani come Human Rights Watch, che sperava che le Nazioni Unite chiedessero il rilascio della principessa.

Sopraffatto

Secondo la BBC, Latifa ha registrato i video circa un anno dopo essere stata costretta a tornare a Dubai. Secondo il suo racconto, ha registrato videomessaggi dei suoi amici più stretti con un telefono cellulare che era stato violato dall’esterno nella toilette, poiché questa era l’unica stanza che poteva chiudere a chiave. I tuoi amici ora lo hanno portato alla BBC. In esso, ha anche menzionato come è stata sopraffatta e paralizzata dai commando degli Emirati Arabi Uniti durante il suo viaggio su uno yacht nel 2018 e ha ripreso conoscenza solo a Dubai.

READ  Un attacco hacker negli Stati Uniti ha colpito anche l'Agenzia per la sicurezza nucleare Fallo in Orion, la password è troppo semplice

Dubai fa parte degli Emirati Arabi Uniti. Il padre di Latifa, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, è l’emiro di Dubai, vicepresidente e primo ministro del governo degli Emirati Arabi Uniti. Nei videomessaggi registrati con un telefono cellulare, la 35enne ha accusato il padre di essere tenuto “in ostaggio” a Dubai da quando la sua fuga è fallita quasi tre anni fa.

Il governo di Dubai aveva detto brevemente nell’aprile 2018 che Latifa era “restituita” alla sua famiglia e che stava bene. Mesi dopo, il governo degli Emirati Arabi Uniti ha rilasciato le sue foto e le ha assicurato che avrebbe ricevuto tutte le “cure e il supporto necessari”.

Icona: specchio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News