Doppio successo per l'Italia al via – atletica




Il primo titolo agli Europei di atletica leggera di Roma va alla squadra di casa. Il fante tedesco Saskia Vige non ha alcuna possibilità.

La marciatrice italiana Antonella Palmisano ha vinto la sua prima medaglia d'oro ai Campionati Europei di atletica leggera. Fotografia: Oliver Wicken (Dpa)

Walker Saskia Figi non ha potuto intervenire nella decisione sulla medaglia nella prima decisione dei Campionati Europei di atletica leggera di Roma. Venerdì la donna del Lipsia è arrivata al 18° posto dopo 20 chilometri a Roma. La campionessa olimpica Antonella Palmisano ha vinto la prima medaglia d'oro, poiché l'italiana ha vinto con il tempo di 1:28:09 ore. Feige (1:33:57) ha tagliato il traguardo allo Stadio Olimpico con circa sei minuti di ritardo.

Valentina Trabletti (1:28:37) ha regalato un doppio successo ai padroni di casa. L'ucraina Lyudmila Ulyanovska (1:28:48) ha strappato la medaglia di bronzo a Laura Garcia Caro, già avvolta nella bandiera spagnola, con uno sprint finale negli ultimi metri. Sul percorso attorno all'area di riscaldamento con colonne all'esterno dello stadio, Feige è riuscito inizialmente a tenere il passo con il gruppo di testa. Con la temperatura inizialmente mantenuta intorno ai 30 gradi la sera, il terzo posto agli Europei di Monaco 2022 ha perso presto il primo tocco ed è stato ceduto al vincitore di Misano nella fase finale.

La due volte campionessa europea Jessa Felicitas Kraus ha raggiunto la finale dei 3.000 metri siepi dei Campionati Europei e punta a vincere un'altra medaglia domenica sera (22:04 / ARD). Il 31enne campione in carica del 2016 e del 2018 è arrivato terzo nella manche di venerdì a mezzogiorno con un tempo di 9:31.52 minuti. Prima di lei ha tagliato il traguardo Leah Mayer, la seconda classificata agli Europei di Monaco, con il tempo di 9:30.63 minuti. La rumena Stella Ruto ha vinto con il tempo di 9:30.00 minuti. Olivia Gorth è arrivata in finale al settimo posto nonostante sia caduta nell'ultimo giro. Una donna francese esausta, Flavie Renoir, finì addirittura con la testa nel fosso.

“Devi entrare tra i primi otto e non devo nemmeno essere davanti, è molto emozionante”, ha detto Krause. Si è qualificata per la sua quarta Olimpiade in due mesi a Parigi nella sua prima corsa ad ostacoli dopo il congedo di maternità, e anche Mayer sarà presente.

Gli atleti tedeschi del Seven hanno vissuto luci ed ombre nel terzo round della giornata, il lancio del peso. Caroline Schaefer è riuscita a bloccare tutti e tre i suoi tentativi fuori limite. Il Frankfurter è rimasto senza punti. Anche Vanessa Grimm è riuscita a fare un solo tentativo valido. Ha raggiunto i 13,59 metri e ha guadagnato 767 punti nella classifica generale. Sophie Weissenberg ha fatto meglio, migliorando il suo tentativo finale e spingendo la palla per 13,84 metri. Dopo tre discipline (100 metri ostacoli e salto in alto in precedenza), Weissenberg è stato anche il miglior tedesco al 12° posto con 2689 punti. Grimm occupa il sedicesimo posto con 2.600 punti, mentre Schaefer resta a 1.933 punti e scende al ventunesimo posto.

La squadra tedesca spera di ottenere una medaglia nella prima finale del secondo giorno. Walker Christopher Linke è arrivato quinto ai Campionati del mondo della 20 km lo scorso anno e secondo nella 35 km ai recenti Campionati europei di Monaco.

Questo sabato verranno assegnati nove titoli (18:00/sportstudio.de e ZDF). I lanciatori del disco tedeschi vogliono anche intervenire per assegnare medaglie senza la medaglia d'argento olimpica Christine Budens, che non ha preso il via a Roma. La finale dell'incoronazione allo Stadio Olimpico è la finale dei 100 metri maschili.

Collegamento all'articolo

Se desideri collegarti a questo articolo di badische-zeitung.de, puoi incorporare facilmente e gratuitamente il seguente codice HTML nel tuo sito web:

© 2024 Badisch Zeitung. Non vi è alcuna garanzia dell'accuratezza delle informazioni.
Si prega di notare anche le seguenti istruzioni per l'uso, la dichiarazione sulla protezione dei dati e le note legali.

READ  Perché così tanti tedeschi comprano in Italia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto