Dopo le elezioni federali: ora Draghi vuole allentare il patto di stabilità

Dopo le elezioni federali: ora Draghi vuole allentare il patto di stabilità

Il Patto di stabilità va ammorbidito: dopo l’inizio delle elezioni generali: l’Italia pianifica un attacco all’euro

Dietro le quinte, l’Italia si prepara all’attacco all’euro: il governo di Mario Draghi vuole smantellare lentamente ma inesorabilmente il nuovo obiettivo di indebitamento moderato. Prima, però, è necessario sapere quale futura coalizione di governo esiste in Germania.

È chiaro che il governo italiano sta preparando una nuova spinta per allentare i severi criteri di stabilità dell’euro. L’obiettivo è mantenere le misure di mitigazione fissate nel 2020 a causa della pandemia, riporta il quotidiano Repubblica. francese Il ministro dell’Economia Bruno Le Maire. Il politico ha parlato agli imprenditori a porte chiuse a Cernobbio sul Lago di Como e ha rivelato i piani del commissario Ue Paolo Gentiloni e del presidente del Consiglio italiano Mario Draghi.

Un grave attacco alla stabilità valutaria

Di conseguenza, Roma vuole minare a lungo termine gli standard rigorosi, un piano che è stato in gran parte responsabile Italia Lo apprezzò per molti anni, ma fallì regolarmente a causa della resistenza dei paesi nordici. Il cosiddetto accordo di stabilità limita il deficit di bilancio dei paesi dell’euro al tre per cento della produzione economica e il debito totale al 60 per cento. Per affrontare al meglio le conseguenze della pandemia, queste regole sono state sospese fino alla fine del 2022. Devono essere pienamente applicate di nuovo a partire dal 2023. Questo prepara molti governi, soprattutto al Sud. Europa Ma già mal di testa. Desiderano mantenere lo status quo per un periodo più lungo.

Il giorno prima, il commissario Ue Gentiloni ha chiesto di “adeguare gli standard alla nuova realtà”. L’opposizione del nord vuole batterla con una “acrobazia tecnica”, secondo Republica. Il perno dovrebbe essere applicato alla regola, secondo la quale i paesi dell’euro devono ridurre ogni anno un ventesimo del debito pubblico fino a raggiungere o scendere al di sotto della soglia del 60 per cento del Pil. In questo modo Gentiloni e Draghi vogliono minare lo standard rigoroso, tanto più che per questo è richiesta solo una maggioranza qualificata. Se si affrontasse di petto uno dei criteri di Maastricht, bisognerebbe raggiungere un accordo di consenso difficilmente raggiungibile.

I paesi del Nord possono salvare la faccia con “intraprendenza” e segnalare ai loro cittadini che l’importante ostacolo del 60 per cento rimane, secondo i calcoli a Roma. Rimarrà infatti solo un guscio inefficace, perché paesi noti per il debito come l’Italia, Greciae Spagna o Portogallo Non ci sarà alcuna pressione immediata da Bruxelles Più per ridurre costantemente il suo debito. Ovviamente accompagni anche tu A Parigi Per la benevolenza di questi pensieri, altrimenti Li Mir ne avrebbe parlato diversamente a Cernobbio. In effetti, il presidente Emmanuel Macron potrebbe sfruttare maggiormente il margine finanziario in vista della sua prevista rielezione il prossimo anno. Secondo quanto riportato dai media italiani, Macron e Draghi hanno discusso anche di possibili modifiche al Patto di stabilità europeo nel loro incontro a Marsiglia.

Vuoi investire? Gli esperti di Bernecker Börsenkompass vi aiuteranno con il vostro investimento. (spettacolo di coppia)

L’ex capo della Banca centrale europea e l’attuale capo del governo a Roma hanno bisogno di ogni margine di manovra per allentare la pressione finanziaria italiana. Il Paese ha sofferto molto per le conseguenze della pandemia e ora l’economia fatica a rimettersi in piedi. Draghi è anche il capo di una traballante coalizione multipartitica che copre quasi tutto lo spettro politico del Paese. Gli interessi particolari che il primo ministro deve tenere in considerazione e servire sono di conseguenza grandi. A peggiorare le cose, i governi locali saranno raggruppati in 20 città – tra cui Roma, Milano, Napoli, Bologna e Torino – all’inizio di ottobre. Pertanto, la pressione dell’attesa sul Primo Ministro è grande.

READ  Le 30 migliori recensioni di Pietra Ollare Per Barbecue

Aspetta e cerca supporto fino alle elezioni

Ma a Roma vogliono aspettare le elezioni politiche prima che le fondamenta dell’euro vengano ufficialmente scosse. Attualmente è molto incerto di Angela Merkel erediterà. anche se Partito Socialista Democratico Il cancelliere al momento non è del tutto sicuro di chi sarà nel futuro governo di coalizione Berlino Rappresentare. A Roma è prevista un’operazione più lunga, che probabilmente darà un quadro chiaro solo a dicembre. Nel frattempo, gli italiani non vogliono restare inattivi. Il ministro delle finanze Daniel Franco dovrebbe studiare attentamente come gli altri tendono a guardare il gioco mentale rumeno durante un incontro con i colleghi dell’UE (Ecofin) a Lubiana, in Slovenia, venerdì prossimo.

Potrebbero interessarti anche:

Nel video: Preparazione Veloce: Bastano pochi ingredienti per fare questo Pane Al Burro Di Arachidi

Mondo Sci News