Donald Trump ha ordinato il ritiro dei soldati americani dalla Somalia

Venerdì dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti annunciato il ritiro di tutti i soldati americani in Somalia, dove hanno operato nel tentativo di frenare le attività dei gruppi islamisti operanti nel Corno d’Africa. Si dice che ci siano circa 700 soldati, per lo più agenti delle forze speciali che addestrano le forze locali e conducono missioni antiterrorismo che dovranno lasciare il paese entro il 15 gennaio, cinque giorni prima dell’inaugurazione di Joe Biden come presidente degli Stati Uniti.

Sebbene il numero di soldati coinvolti non sia particolarmente significativo, la decisione del presidente Donald Trump riflette la sua intenzione di ritirare il maggior numero di soldati americani dai conflitti e dalle crisi entro la fine della sua presidenza. Il ritiro dalla Somalia è stato essenzialmente annunciato in seguito agli ordini di Trump di ridurre la presenza statunitense in Afghanistan e Iraq.

La decisione di Trump arriva in un certo momento anche per la Somalia, dove tra un mese si terranno le elezioni parlamentari, e le elezioni presidenziali all’inizio di febbraio. Ritiro delle truppe americane, ha scritto New York Times, potrebbe impedire il voto, ad esempio rendendo più facile per al-Shabaab, un gruppo terroristico somalo, compiere attacchi.

READ  Coronavirus in Francia, un nuovo registro dei casi: oltre 20.000 in 24 ore

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *