Diventa un “eroe nazionale”: Trump ha spinto anche gli investigatori in Georgia

Diventerà un “eroe nazionale”
Trump ha anche sollecitato gli investigatori in Georgia

Donald Trump ha cercato duramente in Georgia di girare la situazione a suo favore. A quanto pare, il presidente non solo ha cercato di convincere il ministro degli esteri responsabile a commettere frodi elettorali, ma ha anche contattato uno dei suoi eminenti investigatori.

Secondo un rapporto dei media, è stato riferito che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha cercato in un altro caso di influenzare l’esito delle elezioni presidenziali in Georgia. Rapporti del Washington Post Trump ha chiesto al capo investigatore del Segretario di Stato incaricato delle elezioni, Brad Ravensberger, in una telefonata del 23 dicembre, di “scoprire” le frodi elettorali. Trump gli ha dato il potenziale per diventare un “eroe nazionale”.

Secondo il Washington Post, l’investigatore ha condotto le indagini su presunte frodi elettorali nella contea di Cobb, un’area vicino ad Atlanta. Ravensburger ha confermato la telefonata del giornale, ma ha detto di non conoscere i commenti specifici di Trump. Ma crede che sia problematico per un politico eletto intervenire in un’indagine sulla frode elettorale. Trump ha perso le elezioni il 3 novembre contro il democratico Joe Biden. Da allora Trump ha mentito dicendo che lo stava derubando della vittoria a causa di una massiccia frode elettorale in Georgia e in altri stati. Ma non ci sono prove o prove per questo.

Trump ha anche fatto pressioni su Ravensburger per annullare retroattivamente la vittoria di Biden in Georgia alle elezioni presidenziali. In una telefonata del 2 gennaio, Trump ha esortato il Segretario di Stato – anch’egli repubblicano – a “ricalcolare” il risultato. Secondo una registrazione della conversazione pubblicata da diversi media statunitensi, Trump ha detto: “Voglio solo trovare 11.780 voti (…) perché abbiamo vinto il Paese”. Dopo due riconteggi, Biden era 11.779 davanti a Trump.

L’investigatore capo, convocato anche da Trump, non ha voluto commentare il Washington Post. Il giornale non ha menzionato il suo nome per proteggerlo. Ravensburger, il funzionario elettorale Gabriel Sterling e le loro famiglie sono stati gravemente minacciati dai fan di Trump.

Il Congresso ha ratificato i risultati delle elezioni giovedì sera e ha ufficializzato la vittoria di Biden. Prima di allora, mercoledì una folla inferocita ha preso d’assalto il Campidoglio, mentre parlamentari e senatori si riunivano. Trump aveva precedentemente invitato i suoi sostenitori a una manifestazione a trasferirsi al Campidoglio lo stesso giorno.

READ  "Nel Regno Unito la situazione si sta deteriorando"

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *