Dirigenti della Chiesa politicamente qualificati: il cardinale Ruini ha 90 anni

Dirigenti della Chiesa politicamente qualificati: il cardinale Ruini ha 90 anni

L’orso viola ha avuto un enorme impatto sulla vita sociale in Italia

Per due decenni, Camilo Ruini è stato il più influente uomo di chiesa a Roma e in Italia, dopo il Papa. Sotto la sua guida, il Consiglio dei vescovi ha avuto una grande influenza sulla vita sociale e politica e l’ha utilizzata. Venerdì compirà 90 anni.

Scritto da Johannes Scheidelco (KNA) | ROM – 19.02.2021

Come segretario e poi presidente della Conferenza episcopale italiana dal 1986 al 2008, Camilo Ruini ha definito in modo decisivo la linea della Chiesa cattolica nel Paese – spiritualmente e politicamente. Come vicario principale della diocesi papale di Roma, è stato uno dei più stretti collaboratori di Giovanni Paolo II e poi di Benedetto XVI. Roweni festeggia venerdì il suo novantesimo compleanno.

Ruini era oggetto di ammirazione, paura e sospetto per le sue capacità politiche e influenza sociale. Sotto i suoi auspici, la Conferenza episcopale ha mantenuto stretti legami con il governo italiano. Ha fatto sentire la voce della Chiesa in politica, ha interferito nei processi legislativi e ha persino influenzato le elezioni.

Il presidente è in una difficile fase di cambiamento

Il cardinale teologicamente istruito ha presieduto la seconda più grande conferenza dei vescovi – dopo il Brasile – in un periodo difficile di turbolenze. All’inizio degli anni ’90, la scena dei partiti politici in Italia si è disintegrata. Il tradizionale partito cattolico del paese, Democratia Christiana (DC), si è diviso più volte dopo gli scandali di corruzione; Le squadre volavano corde.

Per più di 30 anni, la Chiesa ha visto la capitale come un garante contro il governo di sinistra e contro i comunisti. Nuovi partiti e alleanze di partito si formavano costantemente. Le alleanze di governo instabili divennero sempre più di breve durata. Nei suoi 15 anni come presidente della conferenza, Ruini ha affrontato dieci primi ministri di tutto lo spettro. Grazie alla sua influenza e alla buona rete nella chiesa e nella politica, alcuni lo consideravano un garante della società civile.

READ  a detta di tutti non ci sono criteri per cui non vuoi usare l'Istat?

Il cardinale Camilo Ruini è stato uno dei più stretti collaboratori di Papa Giovanni Paolo II, poi Papa Benedetto XVI.

Certo, all’inizio della sua presidenza, Ruini insisteva ancora sulla “coesione sociale tra i cattolici” – e ha continuato a farlo dopo il crollo del blocco orientale e la fine del Partito comunista. Poi il pensiero di massa cattolico è stato sempre più sostituito dal suo “progetto culturale”: la penetrazione della Chiesa nello Stato e nella società al di fuori dei confini del partito.

Ruini è nato nel 1931 a Sassuolo in provincia di Modena, ed è stato inizialmente professore di teologia al Seminario interreligioso di Modena. Già allora aveva contatti con il professore di teologia tedesco Joseph Ratzinger. Quando pubblicava il suo libro bestseller Introduzione al cristianesimo, Royce lo invitò a tenere una conferenza all’inizio degli anni ’70. A quest’epoca risalgono anche i rapporti con il successivo Presidente del Consiglio Romano Prodi, di cui confidava nella Chiesa e con il quale mantenne i contatti. Da Modena, Ruini si trasferì a Reggio Emilia come vescovo ausiliare nel 1983, prima di andare alla Conferenza episcopale nel 1986.

Attivo anche dopo posizioni manageriali

Ruini si è dimesso dalle sue posizioni manageriali nel 2007 e nel 2008 in più fasi. Ma è rimasto attivo per molto tempo. Per un decennio è stato Presidente del Comitato Scientifico della “Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger / Benedetto XVI”. Inoltre, Benedetto XVI. Ex Cardinale Vice Presidente nel 2010 con una rassegna degli eventi presso il controverso sito di pellegrinaggio Herzovini a Medjugorje.

Ruini rimane in buoni contatti e segue da vicino lo stato della chiesa in Italia. Faure Verbel ha risolto il suo suggerimento che la Chiesa entri in dialogo anche con la Lega di destra guidata da Matteo Salvini. Don Camilo, come è noto per la sua dedizione, si è recentemente lamentato in un’intervista del declino dell’influenza dei cattolici nella politica italiana. Il suo peso è stato ridotto al minimo rispetto al precedente. Sebbene la chiesa non si sia fatta strada ripetutamente attraverso questioni legislative negli ultimi decenni, sembra che oggi sia difficilmente ascoltata.

È solo di recente che si è unito al dibattito sulla presunta rapida beatificazione e canonizzazione di Papa Giovanni Paolo II. Il periodo di attesa per l’operazione è stato ridotto. Ma il processo stesso, assicurò allora il cardinale deputato di Roma, si attenne rigorosamente a tutte le regole.

Scritto da Johannes Scheidelco (KNA)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News