De Gwindusch (Bce) blocca Sassoli su ipotesi cancellazione debito: “accordi vietati”

Il sonno è durato 48 ore. Risveglio nel primo pomeriggio quando vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Gwindusch ha chiuso diplomaticamente la porta alla proposta del presidente del Parlamento europeo David Sassoli eliminare il debito pubblico per combattere la pandemia.

“Da un punto di vista legale, lo credo non ci sono motivi legali prevedere la cancellazione dei debiti “, ha detto de Gwindusch Sky Tg24 Economia, spiegando che, ad esempio, trattati “vietano” la BCE transazioni finanziarie. Nello specifico lo è L’articolo 123 del Trattato, che “istituisce” che la BCE vieta le operazioni di finanziamento, ha detto de Gwindos. “Prima linea di difesa per la gestione della pandemia politica fiscale. Le misure di bilancio adottate oggi sono state corrette: programmi di garanzia, moratorie, costi aggiuntivi per sanità e istruzione, ammortizzatori. Inoltre, disponiamo di strumenti paneuropei. Una volta che la pandemia sarà finita, ci sarà un’eredità, cioè un rapporto debito / PIL più alto rispetto al precedente “, ha detto, sottolineando che “La sostenibilità finanziaria diventerà un problema dopo la fine della pandemia, ma è un altro problema che non ha nulla a che fare con la cancellazione del debito”.. Anche il commissario europeo all’Economia è favorevole all’ipotesi di Sassoli Paola Gentiloni che ieri, ospite dell’evento Cgil “Futura 2020”, ha detto: “Non dimentichiamo che la questione del debito per un Paese come l’Italia non può essere rimossa dal dibattito: bisogna evitare i rischi che portano a questa crisi finanziariamente negativa”.

READ  Il declino di questo indice azionario è terminato dal 2000?

Riflessioni sul dibattito – Nei giorni scorsi sono circolate voci secondo cui la possibilità di cancellazione del debito sarà effettivamente discussa ai massimi livelli della BCE, di fronte ai timori di un ulteriore deterioramento della situazione economica europea causato da la seconda ondata di infezioni. Ma a quanto pare queste erano solo parole. La doccia fredda arriva in un giorno in cui la solidarietà europea sferrerà un altro colpo. Ambasciatori c Polonia e Ungheria hanno effettivamente pubblicato il proprio diritto di veto sopra Fondo di riabilitazione, complicando l’entrata in vigore del piano di intervento europeo di 750 miliardi di euro. “Il Recovery Fund dimostra che l’Europa è tornata”, ha detto poco prima il presidente della Bce. Christine Lagarde, in apertura del vertice: “Pionieri del cambiamento del World Economic Forum, sottolineando che” l’Europa si muove insieme “e” la strada è asfaltata “, ma” resta ancora molto da fare “.

Molte grazie tra la sinistra e l’M5S – Sulla vicenda è intervenuto anche Sassoli Mes e il suo mancato utilizzo da parte di tutti i paesi europei sottolineando come, a suo avviso, “è deve essere riformato e farne uno strumento della comunità, non più intergovernativa. “Le proposte del presidente del Parlamento Ue in queste ore hanno raccolto più di un riconoscimento”.Offrire Sali cancellazione dei debiti accumulati dai governi Covid, creazione di Eurobond permanenti, ESM gestiti da istituzioni. Europei, così come la riforma dei trattati sull’abolizione definitiva del veto. Ben fatto David! “, Ha twittato un membro del Partito Democratico Emanuele Fiana. “Proposte importanti del presidente David Sassoli che si possono scindere: l’abolizione del debito nell’ambito del Covid 19, gli Eurobond permanenti, la gestione della Commissione Mes, l’abolizione del veto. Una rivoluzione per superare la crisi e creare una nuova Ue a sostegno delle nostre comunità. Pierre De Luca, il dem-leader dell’European Policy Committee alla Camera, anche su Twitter

READ  Forte crescita dei mercati azionari nel giorno dell'aggiustamento. Nuovo falso allarme?

“Non capita spesso di essere d’accordo con i rappresentanti del” grande centro “italiano, ma in questo caso credo che la proposta di David Sasolli di cancellare il debito degli Stati membri dovuto a Covid sia del tutto giusta”, ha scritto su Facebook. M5S Ignatius Karao. “Le parole di David Sasolli, presidente del Parlamento europeo, sono importanti. L’idea di eliminare i debiti presi per contrastare la diffusione del Covid19 e la revisione della CU sono due punti chiave per la stabilità delle economie e delle democrazie europee “, ha detto il rappresentante nazionale della sinistra italiana. Nicolas Fratoiani. “In realtà, una testa dura. Infine, David Sassoli, presidente del Parlamento europeo e figura autorevole del Partito Democratico, in un’interessante intervista lascia il coro e riconosce la necessità di un cambiamento nell’UE in termini di paradigma di politica economica “, ha scritto il deputato LeU su Facebook Stefan Fassin.

Bad bank europea? Vediamo… – Anche De Gwindusch sembrava molto cauto sull’ipotesi di uno bad bank of europe. Una struttura che deve prendersi cura di una quantità enorme deterioramento dei prestiti (prestiti bancari che rischiano di non essere rimborsati o rimborsati solo in parte), che la crisi pandemica caricherà inevitabilmente sui bilanci delle banche. Per quanto riguarda la bad bank, è uno strumento utilizzato in Spagna, è molto utile ed efficace per cancellare i bilanci delle banche, ma è uno strumento complesso “indietro” nel caso della bad bank europea dobbiamo valutare molto attentamente“, Ha detto il vicepresidente della Bce, ribadendo che prima” dobbiamo completare l’unione bancaria in Europa “. La seconda emissione di Francoforte ha confermato che a dicembre la Bce prenderà in considerazione i documenti che” abbiamo nella scatola, riceveremo previsioni e quelle per quanto riguarda inflazione e crescita saranno fondamentali “.

READ  Tesla vs. Lucid Air: maggiore autonomia Model S

Written By
More from Rocco Miniati

Perché puoi dire “io me”

Quanto può essere influenzata la lingua? Molto spesso le grammatiche annotano quello...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *