Dana Lauriola arrestata, la polizia viene a prenderla all’alba. Nessun portavoce Tav per scontare una condanna a due anni (Video)

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella di posta.

È stata arrestata Dana Lauriola, Portavoce di Nessun movimento Tav e attivista Centro sociale Liberty. Alcuni agenti Digos sono venuti a casa sua in Bussoleno, in Val Susa, a fronte della quale il No Tav aveva dato vita nei giorni scorsi a una difesa permanente contro la decisione del tribunale di Torino di respingere la richiesta di misure alternative per le donne, condannato in via definitiva a due anni per una puntata del 3 marzo 2012, quando circa 300 persone hanno bloccato il casello di Avigliana di Torino-Bardonecchia consentendo il transito delle auto senza pagare il pedaggio.

Al momento dell’arresto, c’era tensione tra gli ufficiali ei manifestanti, con alcuni insulti e spinte contro gli uomini delle unità mobili di polizia a guardia delle strade di accesso alla casa. La polizia è riuscita a impedire l’avvicinamento dei manifestanti. Una guarnigione No Tav è attesa questa mattina, davanti al Tribunale di Torino, dove riprende il maxi processo degli scontri della Val Susa nel 2011 e intanto su Fb il movimento No Tav annuncia questa sera a Bussoleno una fiaccolata di solidarietà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Firenze, maxi operazione antidroga: “Colpito il capo del cartello stradale albanese”. Decine di arresti e tonnellate di cocaina sequestrate

seguente


Articolo successivo

Willy, una fiaccolata a Roma in ricordo del giovane ucciso a Colleferro: “Lotteremo per una giusta punizione”

seguente


READ  Matteo Bassetti sul coronavirus: "Il caso Genova - Tamponi Waterloo"
More from Agapeto Napolitano

S&P sta migliorando la sua visione dell’Italia. L’avvertimento sulla crescita è l’economia

Standard & Poor’s migliora l’outlook dell’Italia portandolo da “stabile a negativo” e...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *