Dal certificato di vaccinazione risulta questo: 3 vaccinazioni di routine pensate per prevenire la malattia di Alzheimer

Uno studio condotto negli Stati Uniti d'America ha dimostrato che le vaccinazioni di routine possono ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Lo studio ha coinvolto due gruppi di persone di età superiore ai 65 anni, uno di loro era vaccinato e l'altro non era vaccinato. Il gruppo vaccinato ha ricevuto almeno una vaccinazione contro tetano, difterite, pertosse, fuoco di Sant'Antonio o pneumococco. Nel corso di un periodo di otto anni, è stato osservato che coloro che avevano ricevuto almeno una di queste vaccinazioni avevano meno probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto a coloro che non avevano ricevuto la vaccinazione.

La riduzione del rischio varia a seconda della vaccinazione. Il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer tra i vaccinati contro il tetano, la difterite e la pertosse era del 7,2%, rispetto al 10,2% tra coloro che non erano stati vaccinati. Il rischio tra i vaccinati contro l’herpes zoster era dell’8,1%, rispetto al 10,7% tra coloro che non erano stati vaccinati. Tra i vaccinati contro lo pneumococco il rischio era del 7,92%, rispetto al 10,9% tra i non vaccinati. Risultati simili per la vaccinazione antinfluenzale sono stati trovati in uno studio precedente.

Peter Berlet, segretario generale della Società tedesca di neurologia (DGN), ha commentato i risultati e ha sottolineato che la riduzione del rischio dal 25 al 30% è significativa. Sebbene questa analisi fosse retrospettiva, lo studio invia un segnale serio sul fatto che le vaccinazioni di routine possono ridurre il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta dai nostri colleghi di Focus.de

READ  4.000 passi sono sufficienti: uno studio afferma che 10.000 passi non sono necessari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto