Covid, Australia, ai requisiti di vaccinazione per chi arriva dall’estero

L’Australia si prepara a richiedere ai passeggeri internazionali in arrivo, per la certificazione, di essere stati vaccinati contro il Covid-19 mentre le autorità delineano possibili restrizioni alla protezione dai virus nella futura “nuova normalità”. Il ministro della sanità Greg Hunt in un’intervista televisiva ha osservato che la vaccinazione e una rigorosa quarantena di due settimane sarebbero prerequisiti per l’ingresso in Australia. “Ci aspettiamo che le persone che arrivano in Australia, mentre Covid-19 continua ad essere una malattia importante in tutto il mondo, saranno vaccinate o isolate”, ha detto. “Con i promettenti risultati dei test del vaccino, gli australiani potrebbero iniziare a ricevere dosi già a marzo”, ha aggiunto.

Nel frattempo, il CEO di Qantas Alan Joyce ha affermato che i passeggeri in partenza dall’estero dovranno essere vaccinati contro il Covid-19 per volare dalla compagnia aerea nazionale non appena il vaccino sarà disponibile al pubblico, aggiungendo che è probabile che regole simili vengano approvate. su scala globale. Nell’app per smartphone sarà contenuto un passaporto digitale per le vaccinazioni. Per quanto riguarda i voli interni con Qantas e un partner Jetstar poco costoso, Joyce ha affermato che qualsiasi decisione dipenderà dal livello di infezione da virus in diverse parti dell’Australia. Da marzo l’Australia ha sostanzialmente chiuso i propri confini dal resto del mondo, imponendo un divieto generale di ingresso ai non residenti ed esortando i cittadini a non viaggiare all’estero. Il paese ha ottenuto un relativo successo nel controllo del coronavirus, registrando finora con una popolazione di 25 milioni poco più di 27.800 casi e 907 decessi dalla diffusione della pandemia.

READ  93 omicidi confessati: il serial killer Samuel Little è morto

Iscriviti alla newsletter Covid qui

Hong Kong chiude la sala per la terza volta
Hong Kong chiuderà di nuovo bar, discoteche e club per la terza volta quest’anno, a causa di un nuovo aumento dei casi. Lo ha annunciato il segretario alla sanità Sofia Chan, riporta il Guardian. Le autorità stanno anche riprendendo i lavori presso il Centro di cure temporanee Covid vicino all’aeroporto. Oggi a Hong Kong sono stati segnalati 80 nuovi casi, portando il numero totale di contagi dall’inizio dell’anno a 5782. 108 morti.

USA, altri 2.100 morti in un giorno
Ieri negli Usa le vittime del Covid-19 sono state 2.100, il numero più alto dal 6 maggio dello scorso anno, quando erano 2.611, secondo il Washington Post. Per la Johns Hopkins University, il tasso di infezione nel paese dall’inizio della pandemia è di 12.589.221 persone e il tasso di mortalità è di 259.874 persone.

In Giappone, il numero crescente di infezioni è motivo di preoccupazione

Il governo giapponese non prevede una nuova chiusura delle scuole, nonostante il recente aumento della contaminazione da Covid-19 nel Paese. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Koichi Hagiuda durante una conferenza stampa, spiegando che l’esecutivo aveva esortato le scuole a rimanere vigili a causa del rischio di un’ulteriore diffusione della malattia, ma ha escluso ordini obbligatori per bloccare le lezioni, come accaduto a fine febbraio. Il ministro ha detto che il governo esaminerà le raccomandazioni per un’adeguata ventilazione nei mesi invernali e che i tradizionali test di ammissione all’università si terranno regolarmente a gennaio e alle università sarà chiesto di intraprendere azioni appropriate contro il virus.

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *