Corea del Nord, rapporto di Humans Right Watch riporta torture nei campi quatidiani Un-Libero di Kim Jong

Fascicolo Human Rights Watch mostra che la tortura è così costante nelle carceri nordcoreane da essere un “rituale”, violenza sessuale persistente, umiliazione continua: 88 pagine su Kurjujang, Il regime gulag di Kim Jong Un. In un “sistema arbitrario, violento e brutale in cui vivono nella paura costante, il processo non ha importanza, presumibilmente il senso di colpa, e l’unico modo per evitarlo è la corruzione”, ha descritto il direttore della divisione delle ONG asiatiche. Brad Adams. In prigione, scrive Vita di ogni giorno, viviamo in buchi angusti senza bagni e sapone, dozzine di prigionieri rimangono sovraffollati senza coperte, a volte senza vestiti, anche in inverno. Molte volte con accuse che non giustificano la detenzione.

Le pagine dicono che alcuni prigionieri sono stati costretti a rimanere a testa in giù e mettere le mani sul pavimento, solo per aver attraversato una specie di carceriere. “Come punizione abbiamo dovuto allungare le mani tra le barre per terra, e camminavano qua e là sopra di noi, con gli stivali. “Una guardia ha confessato: ‘usiamo bastoni, calci o solo le mani per ottenere il riconoscimento, o leghiamo cinghie intorno al collo dei sospetti per correre come cani A volte,’ stringendo le manette intorno ai pugni ‘, litigano sopra le teste diventare fontane sangue.

READ  L'Iran annuncia il “sequestro” di una petroliera nel Golfo di Oman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto