Chanel Mathieu d’Art ricorda Catherine de ‘Medici – Ultima Ora

(ANSA) – ROMA, 3 DIC – “Catherine de ‘Medici” di Chanel Mathieu d’Art, disegnata dal direttore artistico di Virginia Viard, sfila la collezione haute couture 2020/2021 tra i marmi e gli stucchi di quello che fu. il suo castello nel Rinascimento, a Chenonceau, nella Valle della Loira, Francia Castello della diga, Castello delle donne.

“L’esposizione della collezione al Castello di Shannon nel Castello delle Donne”, spiega Virginia Viard, “è stata una scelta ovvia. Il Castello di Dame è stato progettato e abitato dalle donne Diana de Poitiers e Caterina de ‘Medici. È un maniero. E lo stemma di Caterina de’ Medici era un monogramma. due C intrecciate, come in Chanel. ” Non potevano verificarsi coincidenze più grandi.

“Non sappiamo se Coco l’abbia ispirata direttamente”, sostiene Viard, “ma è molto probabile perché era così affascinata dalle donne del Rinascimento. Il suo gusto per le gonne di pizzo e l’estetica di alcuni dei suoi gioielli vengono da lì. Fondamentalmente, è un posto con”. fa parte della storia di Chanel “. Nella grande galleria in cui si svolge lo spettacolo, il motivo a scacchi bianchi e neri del pavimento in marmo ricorda una bozza di bozze a grandezza naturale e viene riportato a minigonne con paillettes e una lunga gonna di tweed con frange indossata su un maglione jacquard bianco e nero. Un lungo cappotto di velluto nero, che ricorda la vedova di Caterina de ‘Medici, dopo la morte del re Enrico II di Francia, quando indossava solo nero, rivela un abito di tweed leggero. I toni caldi della cappa di tweed risuonano con i preziosi arazzi del castello, ei fiori dei due giardini, uno di Diana de Poitiers e l’altro di Caterina de ‘Medici ai lati del castello, ispirano ricami floreali sull’ampio risvolto della giacca. Una preziosa cintura di cristalli Swarovski disegna il profilo della ciocca nell’uscita finale, stringendo con la coda la vita dell’abito nero. Kristen Stewart, una recensore di Chanel, assiste alla sfilata da sola, seduta su una panchina all’ingresso della sala centrale. (MANIGLIA).

READ  "I miei due grandi amori, la vita era ingiusta ..."

RIPRODUZIONE VIETATA © Copyright ANSA