Bruxelles, organizzatore dell’orgia: “MEP? Ha rotto la mia festa”

BRUXELLES – Mentre la storia della festa Joseph Sayer insieme ad altri 24 uomini su alcol ed ecstasy – inoltre in violazione delle restrizioni per Kovid – questo indebolisce il primo ministro ungherese La battaglia europea contro il legame tra il Fondo di recupero e lo Stato di diritto, stanno emergendo nuovi dettagli su quanto accaduto venerdì sera in un appartamento in Pierre Avenue, nel centro di Bruxelles.

Rivelarli è David Manzheley, Uno studente di 29 anni e proprietario di un appartamento in cui la polizia di Bruxelles ha fatto irruzione alle 21.30 per aver urlato e rotto la serratura. I dettagli che rendono ancora più inutili le teorie del complotto che circolano nei media vicini a Orbán, che peraltro hanno praticamente oscurato la notizia e che sono arrivate a parlare di una trappola tesa dall’intelligence tedesca per colpire il governo ungherese.

Per prima cosa, secondo Mangeli, Sayer, 59 anni, ha rotto la festa.

In un’intervista ripresa dai media internazionali, il ragazzo spiega che di solito, a volte un anno, organizza feste nel suo appartamento. “Parliamo e beviamo come in un club, l’unica differenza è che facciamo anche sesso. Non vedo niente di sbagliato in questo, siamo tutti adulti e siamo d’accordo”. Poi Mangeli dice: “Non conoscevo quest’uomo, era amico di un amico”. Secondo alcuni lavori di ristrutturazione, Sayer avrebbe promesso di convincere il padrone di casa ad accoglierlo alla festa che in futuro restituirà l’invito.

Lo studente nega le accuse di essersi comportato pericolosamente organizzando una festa nel bel mezzo di una pandemia: “Ero responsabile, ho invitato dieci amici che rispettavano una condizione: probabilmente tutti avevano già Covid e non avevano sintomi. Avevo fede: io Sapevo che i miei amici non avrebbero dovuto mentirmi al riguardo. Sinceramente non vedo alcun problema. C’erano anche due infermiere, mi hanno confermato che non era pericoloso “.

READ  apprendimento a distanza per le scuole superiori

Il padrone di casa racconta poi il raid della polizia: “All’improvviso ho avuto un sacco di poliziotti in soggiorno. Documenti! In questo momento! Ma non eravamo nemmeno in mutande. Come potevamo dargli un documento? Ha fatto di nuovo la polizia. Hanno detto cose molto brutte, orribili contro gay “.

Il resto della storia è noto, Sager cerca di scappare dalla finestra, cade dalla grondaia, ferendosi le mani, viene contattato da agenti che trovano pillole di ecstasy nello zaino, tira fuori una tessera parlamentare e fa appello al sistema immunitario. Domenica – un pallone inaspettato – lascia il posto di eurodeputato.

Martedì la storia è pubblicata sui media belgi, ammette, e oggi lascia anche “Fidesz”. Intanto il caso sta provocando tensioni anche in Ungheria proprio perché Sajaer, sposato con Tunde Hando, giudice della Corte costituzionale, padre di un figlio e fedele di Orban, che ha incontrato anche Salvini e Meloni, è stato uno degli omofobi più accaniti del partito. , tanto da affermare di difendere i valori cristiani e di promuovere la riforma costituzionale del 2011, che ha reso impossibile la vita della comunità LGBT.

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *