Assalto al Campidoglio: cosa rende pericolosi gli amanti di Trump – Cultura

I barbari alle porte di Washington non sono estranei come lo erano nell’antica Roma. Alcuni di loro sono cittadini del tutto normali. Forse questo è il vero problema.

Chiunque, cioè, come lettore, ha sperimentato che non solo tutto ciò che è realmente accaduto, ma anche tutto ciò che potrebbe accadere può essere trovato da qualche parte in un libro, potrebbe come Edward Gibbons, The History of the Decline and Fall of the Roman Empire. Nel 1776 di All Time, che per gli Stati Uniti è qualcosa di simile alla nascita di Gesù al cristianesimo, apparve il primo volume in sei volumi dello storico inglese Gibbon, che narra come l’Impero Romano d’Occidente prima si disintegrò e poi l’Impero Romano d’Oriente, come il potere, la morale crollò, poi si sbriciolò. Gibbon descrive, ad esempio, come Roma fu distrutta e saccheggiata dai Goti durante il regno di Alarico nel 410: la città imperiale, come Gibbon la chiama Roma, che per lungo tempo rimase sia subordinata che “civilizzata” gran parte dell’umanità, rabbia che si manifestò Vittima degli invasori, il suo re Alarico incoraggiò il suo popolo a ottenere una “ricompensa per le loro audaci attività” a Roma.

READ  collisioni, incidenti e lesioni sulla strada

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *