Afghanistan, sempre più attacchi. “Gli Stati Uniti se ne vanno? Allora vinceranno i talebani. Abbiamo bisogno anche della NATO contro il terrorismo”.

Il 28 novembre a Blood era domenica Afghanistan. Almeno 34 persone sono state uccise in due attacchi separati suicidio. Uno che ha avuto luogo nella provincia orientale Ghaznidove un’esplosione in un veicolo militare pieno di esplosivo è esplosa nei pressi di una base militare dell’esercito afghano. Trentuno soldati sono stati uccisi e 24 feriti. Un altro si è verificato a Ho dimenticato, una provincia meridionaleAfghanistan. Tre sono stati uccisi e 23 feriti, tra cui diversi bambini. Secondo fonti militari Al Jazeera, il bersaglio dell’attacco Ho dimenticato era un convoglio del capo del consiglio provinciale Atajan Hakbayat, sopravvissuto all’attacco.

Nonostante le buone intenzioni espresse dopo la firma dell’Accordo di Doha tra stati Uniti ei talebani il 29 febbraio dello scorso anno, la pace in Afghanistan continua ad essere un miraggio; anzi, il livello di violenza e instabilità è addirittura aumentato. Un’ondata di attacchi ha colpito il Paese nell’ultimo mese. Primo attacco suUniversità di Kabul poi seguitelo al centro educativo; nel frattempo omicidio sistematico giornalisti considerato scomodo. Dall’ISIS non si prevedono reclami ai propri attacchi se non dal fronte I talebani Tutto è silenzioso.

Tuttavia, fonti della zona hanno sentito fattoquotidiano.it confermare: “Come negli ultimi due casi, sono dietro la maggior parte degli attacchi, I talebani“È successo tutto finora Joe Biden in attesa di entrare La casa Bianca,, Donald Trump annuncia l’intenzione di tagliare le truppe statunitensi dal fronte afghano entro il 15 gennaio – quindi prima del giuramento Biden 20 – e colloqui di pace tra governo afghano e talebani Doha continua lentamente.

“La ragione della lentezza dei colloqui di pace è ovviamente che entrambe le parti stanno solo aspettando di scoprire quale sarà la politica del presidente eletto. Joe Biden sull’Afghanistan, tranne che non sono ancora riusciti a raggiungere un accordo sulla procedura di negoziazione “, ha detto a Fattoquotidiano.it Miraqa Popal, giornalista Tolonews, Canale afghano di tutte le notizie. Il completo rimpatrio delle truppe, ad eccezione delle dichiarazioni di Trump, dovrebbe avvenire entro maggio 2021, come concordato dalle parti. Doha. Richiesta da I talebani sulla mappa, che saranno accettate solo se assicurano il completamento delle ostilità e la lontananza da Al Qaeda.

READ  Kovid: Primo ministro svedese, la nostra strategia non è cambiata - Ultima Ora

Guerra in Afghanistan è iniziato nel 2001, dopo l’attacco a Torri Gemelle, e oggi è costato ai contribuenti americani circa 978 miliardi di dollari, quasi 49 miliardi di dollari l’anno. Circa 157.000 persone sono state uccise, inclusi più di 43.000 civili, mentre la guerra ha ucciso più di 2.400 soldati americani. briscola, la cui politica nei confronti di Kabul era considerata più pragmatica della politica Obama, ha ottenuto la vittoria firmando un accordo con i talebani, che in particolare ha aperto la strada al ritiro delle truppe americane. Ora la palla va avanti Biden. E il governo di Kabul in tutto questo? Il FattoQuotidiano.it raggiunto Sedik Sedikki, portavoce del presidente Ashraf Ghani (nella foto).

Nonostante i colloqui di pace con i talebani, gli attacchi all’Afghanistan sono aumentati particolarmente negli ultimi tempi. Come vede il rapido ritiro delle truppe americane?
I talebani non sono impegnati nel processo di pace. Nonostante la promessa di porre fine alle ostilità se il governo afghano rilascerà 5.000 prigionieri talebani, non lo hanno fatto. Anche dopo la riduzione della presenza statunitense sul terreno, continueremo a contare su un significativo sostegno delle forze statunitensi e della NATO nella lotta al terrorismo nel nostro Paese.

Tuttavia, si parla di un ritiro completo delle truppe statunitensi dal suolo afghano entro maggio 2021.
Ora non si tratta di un’uscita completa, manteniamo una forte partnership con gli Stati Uniti, speriamo che continui. Riteniamo che un’uscita totale incoraggerà i terroristi e porterà all’instabilità nella regione, speriamo che ciò non accada. Non è adatto a noi e non è adatto al resto del mondo.

READ  Covid, il castello torna in Francia e Germania, ma le scuole aprono Trump: "Stanno chiudendo e noi no"

Tuttavia, a quanto pare, i talebani sarebbero pronti a minare i colloqui di pace con il governo di Kabul se anche un solo soldato americano fosse rimasto a terra. Come reagisce?
I talebani seguono una strategia violenta, usano il mondo solo come un sabotaggio. Finché non smetteranno davvero di fare violenza e non accetteranno un cessate il fuoco, non ci fideremo di loro. Posso dire che al momento i colloqui sono a un punto morto.

Come intendono gli Stati Uniti sostenere le forze afghane anche dopo il loro ritiro?
Tramite assistenza, formazione e supporto aereo se necessario. Gli Stati Uniti sono il nostro più importante alleato militare e sarò fiducioso che questo supporto di base continuerà.

La vittoria di Biden alle elezioni presidenziali statunitensi influenzerà i colloqui di pace tra il governo afghano ei talebani?
Ci siamo congratulati con il presidente eletto Biden. Altrimenti nessun commento.

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *