7 regioni in ritardo di sviluppo. Stock sufficienti nel Lazio, ma non in Lombardia

Eravamo in ritardo. La previsione non è delle migliori. Presto una tempesta perfetta potrebbe abbattere l’Italia. Sette regioni e le due province autonome di Trento e Bolzano non dispongono di vaccini antinfluenzali sufficienti per la popolazione a rischio. Il pericolo è grande, in quanto questi sono i soggetti più vulnerabili in caso di positività Infezione da coronavirus covid-19. La fondazione ha divulgato questi dati ieri Gimbe. Abruzzo, Basilicata, Lombardia, Molise, Piemonte, Umbria e Valle d’Aosta (comprese le due province autonome) non ha acquistato abbastanza medicine. Non sarebbero in grado di coprire la quota minima del 75% delle persone a rischio nel loro territorio: persone over 60, persone con determinate patologie e bambini dai 6 mesi ai 6 anni. Inoltre, il tempo passa perché se la campagna vaccinale non viene condotta “tra metà novembre e metà dicembre, il risultato di una forte copertura scompare”, afferma il professor Nino Cartabelotta.

Vaccino antinfluenzale, da bambini sotto i 60 anni: in caso di emergenza Covid ecco chi e dove dovrebbe farlo

Studio Covid: meno morti e casi gravi in ​​aree con più vaccini antinfluenzali

Regioni virtuose

I dati non sono rassicuranti. Perché il problema riguarda non solo chi è considerato più vulnerabile, ma anche chi non lo è: la popolazione attiva, cioè chi è sano e vaccinato per scelta. “Non ci sono vaccini nelle farmacie”, ha detto il presidente di Federfarma Mark Kosala, che punta il dito contro le regioni per aver organizzato i rifornimenti con un colpevole ritardo. Tuttavia, secondo Gimbe, non tutte le regioni si comporterebbero “superficialmente”. Lo studio, infatti, mostra che Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Puglia, Sicilia, Sardegna, Toscana e Veneto hanno acquisito abbastanza. Insomma, i loro magazzini sono completi e teoricamente possono trasferirli parzialmente ai privati, e quindi alle farmacie. In teoria, però. Perché le carenze di altre regioni possono portare alla solidarietà tra enti diversi, ovviamente rivolti ai gruppi a rischio.

READ  "Chiuso da venerdì alle 23. Scuole primarie riaperte"

COMPITI

In ogni caso, come nota Kosala di Federform, “la coperta è corta”. Il pericolo di non vaccinare la quota attiva degli italiani è alto. Cartabellotta lo spiega in dettaglio: “Più persone vacciniamo, meno stressiamo il sistema sanitario che sta già combattendo il Covid-19”. Insomma, è necessario non solo “vaccinare le persone a rischio, ma anche quelle non a rischio, perché sostengono l’economia del Paese, già sperimentata la scorsa primavera”. Oggi, aggiunge Cartabellota, “se un’azienda in Italia vuole vaccinare i propri dipendenti, non può farlo perché non ci sono dosi sufficienti. Attualmente la copertura può essere garantita solo a un italiano su tre “. Poi c’è il profilo sanitario: “Alcune persone che si toccano finiscono in ospedale, quindi mettono pressione sul sistema sanitario. C’è poi il problema della diagnosi: se un soggetto ha febbre o tosse e se è stato vaccinato contro l’influenza non è più un sospetto Covid-19, se non lo ha fatto questa opzione non può essere esclusa. Infine, il rischio di contrarre l’influenza e il coronavirus insieme “. Adesso il tempo stringe e secondo uno studio del Centro Cardiologico Monzino di Milano il vaccino antinfluenzale aiuterà a combattere il SarsCov2. in 65 anni ci sono stati meno morti per Covid-19.

ACQUISTO DI VACCINI

In ogni caso l’Italia avrebbe acquistato quest’anno più dosi che in passato. Undici milioni contro quasi 18 milioni nel 2020. Allora perché c’è una carenza? “I numeri vanno letti con attenzione”, spiega Kosala. “Il ministero ha allargato la platea dei soggetti a rischio per i quali quest’anno è stato deciso il vaccino”. Le regioni hanno dovuto comprare di più per aumentare il numero di persone da includere nella vaccinazione, piuttosto che aspettare il Covid-19. Questo picco di domanda di vaccini italiani da parte del settore pubblico, “che ha aperto le gare tardivamente, ha portato a privati rimase a bocca asciutta “, accusa Kosala. La quota internazionale prevista per il nostro Paese verrebbe completamente assorbita dalle regioni.

video

Ultimo aggiornamento: 00:47


© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

READ  "Non sono corrotto"

More from Agapeto Napolitano

protesta della polizia contro i manifestanti – Corriere.it

FLORANCE – Alla fine sono arrivati. Dopo la pubblicità contro la pubblicità,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *